Vaccino agli over 80, attivo da oggi il numero verde: lunedì invece previsto l’avvio delle prenotazioni

Monoblocco Ospedale Sant'Anna via NapoleonaMonoblocco Ospedale Sant'Anna via Napoleona

L’attivazione, a partire dalle 13 di quest’oggi, del numero verde regionale apre ufficialmente in Lombardia la campagna di vaccinazione anti Covid degli over 80. A partire da lunedì sarà poi possibile registrarsi all’apposito portale per prenotare l’iniezione. Le somministrazioni inizieranno giovedì 18 febbraio. Il numero verde 800.89.45.45 sarà attivo dunque da oggi. Gli operatori risponderanno ai dubbi sulle procedure di registrazione e sulla vaccinazione. In provincia di Como sono circa 49mila gli ultraottantenni e al momento sono state individuate quattro sedi vaccinali: l’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia, il poliambulatorio di via Napoleona, nella foto, il presidio di Menaggio e quello di Cantù. La registrazione potrà essere fatta tramite il portale dedicato di regione Lombardia vaccinazionicovid.servizirl.it, oppure dal proprio medico di medicina generale o in farmacia. L’obiettivo è di concludere la somministrazione della prima dose entro la fine del mese di marzo, naturalmente se le consegne dei vaccini saranno in linea con il piano previsto. I vaccini Pfizer saranno somministrati dai centri vaccinali di Ats e Asst, come avvenuto per il personale sanitario. Quelli di Moderna invece, che non richiedono la catena del freddo e hanno minori difficoltà di gestione, potranno essere utilizzati per gli anziani allettati che saranno raggiunti direttamente al domicilio dai medici di medicina generale in collaborazione con le Usca, le unità attivate per l’emergenza Covid, gli operatori dell’assistenza domiciliare e anche l’Esercito.
Inizieranno lunedì prossimo, 15 febbraio, le somministrazioni per tutti i volontari di Protezione civile. Si partirà con coloro che sono già impegnati sul campo nel supporto al sistema sanitario, proseguendo fino al raggiungimento della copertura vaccinale totale dei volontari. «Si tratta di un passo importante – ha detto Guido Bertolaso – che rende giustizia a chi, come i volontari lombardi, è stato fin da subito in prima fila in questa guerra al virus, sacrificando il proprio tempo libero e spesso anche la propria vita. I nostri uomini meritano di operare nelle condizioni di massima sicurezza per la propria salute, allo stesso modo delle Forze dell’ordine, e tanto più adesso che il ruolo della Protezione civile diventa assolutamente indispensabile».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.