Valduce, il monoblocco compie 50 anni. Ieri la celebrazione
Chiesa Cattolica, Sanità

Valduce, il monoblocco compie 50 anni. Ieri la celebrazione

Il monoblocco dell’ospedale Valduce compie mezzo secolo di storia. Lo scorso 1° luglio ricorrevano cinquant’anni esatti dal taglio del nastro della struttura tra via Dante Alighieri e via Santo Garovaglio, nel pieno centro di Como. Realizzato a Est del torrente Valduce, che oggi scorre completamente interrato nella convalle fino al lago, l’Ente Ospedaliero Valduce è retto dalla Congregazione delle Suore Infermiere dell’Addolorata.
Ieri, durante il ciclo di appuntamenti per celebrare i cinquant’anni di attività, è stata celebrata una messa dal vescovo di Como, Oscar Cantoni.
La fondazione dell’ospedale risale a due secoli fa, anno 1853, ad opera di Madre Giovannina Franchi.
Dal 1974 il Valduce è un “Ospedale classificato”, ovvero un ospedale religioso che, all’interno del Sistema sanitario nazionale, viene equiparato a una struttura pubblica.
È accreditato per 371 posti letto di cui 290 per acuti nella sede di Como e 81 di riabilitazione specialistica a “Villa Beretta” di Costa Masnaga. Giovannina Franchi fondò una prima “Casa” di accoglienza in via Vitani nel 1853 per assistere i malati poveri di Como. La Congregazione delle Suore infermiere dell’Addolorata dopo oltre 150 anni ha avviato oltre al Valduce di Como e “Villa Beretta” nel Lecchese, anche un centro assistenziale a Buenos Aires, in Argentina. La realizzazione del monoblocco di Como, di cui si festeggia quest’anno come detto il 50°, ebbe inizio nel 1963. Cinque anni più tardi il Valduce poteva già disporre di 360 posti letto ed era dotato di tutti i servizi di un moderno ospedale, pronto per la classificazione regionale ricevuta nel 1974. «Raccontare 50 anni di storia significa ricordare momenti esaltanti, ricordare le persone e i fatti che hanno contribuito alla storia del Valduce – ha detto Madre Emanuela Bianchini, Superiora Generale della Congregazione delle Suore Infermiere dell’Addolorata – L’ospedale è cresciuto, è diventato una famiglia sebbene il contesto sociale e politico sia cambiato». Ha poi preso la parola Mario Guidotti, primario di Neurologia del Valduce. «L’ospedale è cambiato. Un tempo era luogo dove fare esami, oggi è una sorta di pit stop. Si entra per un giorno e si è rimessi in sesto». Infine il sindaco di Como Mario Landriscina: «Voi che ci lavorate siate orgogliosi. Sentite la responsabilità di ciò che fate e la gioia di ciò che costruite».

28 settembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto