Valfresca chiusa, trasloco di “Lombardia” e rally
Cronaca, Eventi, Sport

Valfresca chiusa, trasloco di “Lombardia” e rally

Dopo il trasloco del Giro della Provincia di ciclismo riservato agli Allievi ad Appiano Gentile, potrebbe essere la volta anche del Giro di Lombardia e del Rally Aci Como-Etv.

La corsa contro il tempo per riaprire via XXVII Maggio, conosciuta come “Valfresca” prima del Giro di Lombardia sembra essere arrivata al suo epilogo: la strada resta chiusa e dal Comune di Como fanno sapere che sarà difficile riaprirla in tempo per la gara ciclistica in programma il 13 ottobre. Palazzo Cernezzi è corso ai ripari prevedendo un piano B e ha già inviato agli organizzatori del Giro i possibili percorsi alternativi.

Il tema sarà al centro dell’attenzione dell’incontro odierno tra Mauro Vegni, direttore ciclismo di Rcs Sport e il Comune di Como.

Una visita dalla doppia valenza. Sul tavolo la candidatura portata avanti da Palazzo Cernezzi per avere sul Lario una tappa del Giro d’Italia 2019. Ma prima ci sarà da discutere della stretta attualità e di un Giro di Lombardia che non potrà avere la parte finale uguale allo scorso anno, con la scalata finale in Valfresca prima del traguardo in piazza Cavour.

Da Palazzo Cernezzi arriveranno comunque proposte concrete, con tre tracciati che potrebbero essere utilizzati dai corridori.
Il primo prevede il percorso invariato fino all’attacco della via Nino Bixio, per poi proseguire su via Camozzi, via Bellinzona, via Borgovico, viale Rosselli, Lungo Lario Trento.
Il secondo parte invece da viale Giulio Cesare, per risalire a San Fermo dalla via Varesina per poi scendere verso l’arrivo in città.
Infine il terzo percorso, che comprende la sequenza viale Giulio Cesare, via Roosevelt, viale Innocenzo, via Recchi, viale Rosselli, via Borgovico, via Bellinzona, via Cardano, via per San Fermo, via Bixio, viale Masia, viale Rosselli e Lungo Lario Trento, fino al traguardo.
Oggi, appunto, potrebbe essere presa una decisione definitiva dopo una valutazione con Mauro Vegni e l’organizzazione locale, capitanata da Paolo Frigerio.

Anche per i Rally Aci Como-Etv gli organizzatori dell’Aci si sono già attivati per trovare soluzioni alternative sul territorio della provincia e comunque fuori dalla città. La Valfresca, infatti – venerdì 19 ottobre – avrebbe dovuto ospitare lo shakedown, la prova delle auto allestite per la gara prima delle prove speciali, programmate nel Triangolo Lariano e nelle valli Intelvi e Cavargna.
«Come annunciato qualche settimana fa – spiega Paolo Brenna, motore dell’organizzazione dell’evento – avevamo in mente una serie di alternative, anche se la speranza era di rimanere in città. Per forza di cose stiamo attuando il “piano B”».
La strada ad oggi resta ancora chiusa. Peraltro nelle ultime è stata divelta la transenna a monte di via XXVII Maggio. La Polizia locale è stata allertata ed è intervenuta ieri pomeriggio per sistemare la transenna.

6 settembre 2018

Info Autore

Massimo Moscardi

mmoscardi mmoscardi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto