Valsolda, sigilli a un cantiere. Sequestro disposto dalla Procura

L’indagine

(a.cam.) Gli agenti della polizia locale, su disposizione della Procura, hanno posto i sigilli a un cantiere privato a Valsolda, in strada Sasso Rosso. Il cantiere è stato sequestrato perché sarebbero stati ipotizzati reati ambientali nell’ambito dei lavori di costruzione di una palazzina residenziale. L’edificio è ormai completato, almeno nella struttura esterna. L’indagine sarebbe partita da un esposto arrivato in Procura a Como nelle scorse settimane. Il fascicolo è coordinato dal sostituto

procuratore Valentina Mondovì. Il sequestro è stato effettuato dagli agenti della polizia locale ma il provvedimento non sarebbe ancora stato notificato ai proprietari. I lavori bloccati fanno capo a soggetti che stanno realizzando nuovi appartamenti. La vicenda potrebbe evolversi già nei prossimi giorni con il chiarimento dei reati ipotizzati,

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.