Variante della Regina: lunedì nuovo vertice dal prefetto di Como

Andrea Polichetti

Cantiere per la Variante della Tremezzina, sicurezza e sanità. Sono i temi al centro dei due tavoli di coordinamento convocati in Prefettura a Como il prossimo lunedì pomeriggio. Al centro delle due riunioni, la riorganizzazione dei servizi sanitari e il rafforzamento dei presidi di sicurezza sul territorio in vista dell’avvio del cantiere con la chiusura di quattro mesi della statale Regina a partire dalla metà di novembre. Il tempo stringe e occorre trovare soluzioni immediate per fronteggiare il blocco stradale, che scatterà in corrispondenza del territorio di Colonno.
«È importante capire – spiega il prefetto di Como, Andrea Polichetti – in vista della partenza del cantiere, come ricollocare i servizi sanitari, constatare che l’assetto attuale sia idoneo a soddisfare le esigenze che potranno verificarsi anche in termini di emergenza sanitaria. Al tavolo, infatti, saranno presenti anche i dirigenti di Ats e Asst».
Sul fronte della sicurezza aggiunge: «Discuteremo come rafforzare i presidi esistenti sul territorio e soprattutto come distribuirli nella zona interessata per riuscire a gestire ogni situazione di disagio o emergenza».
Intanto non si fermano gli appelli dei sindacati del territorio comasco: «Esprimiamo profonda preoccupazione per l’inizio dei lavori della variante della Tremezzina e degli effetti che potrebbero generarsi senza adeguati interventi di prevenzione sia in ambito di trasporto pubblico locale e privato sia in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro», scrivono in una nota le organizzazioni sindacali.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.