Il vecchio Sant’Anna ha nuovi ospiti. In ospedale arrivano i cinghiali
Cronaca, Territorio

Il vecchio Sant’Anna ha nuovi ospiti. In ospedale arrivano i cinghiali

Alcune foto scattate dai cittadini testimoniano l’intrusione

(m.v.) Ospiti inattesi nel vecchio Sant’Anna. Non pazienti, nemmeno tecnici interessati a lavori di ristrutturazione, bensì cinghiali. Animali che si sono spinti dalla macchia della Spina Verde fino all’area che fa capo al vecchio nosocomio cittadino.
Che i cinghiali si stiano avvicinando sempre più ai centri abitati è cosa nota, e non riguarda solo questa zona dell’area urbana. Ma prima di oggi le segnalazioni avevano riguardato soprattutto Civiglio e mai l’ex Sant’Anna. Eppure, a conferma dell’intrusione, ecco alcune foto che sono state inviate da un telespettatore all’emittente locale Etv. A confermarlo, del resto, è stata la stessa Azienda Socio Sanitaria Territoriale Lariana che è già corsa ai ripari.
«Più di un esemplare dal parco della Spina Verde è arrivato fino alla zona boschiva alle spalle dell’area dell’ex radioterapia – fanno sapere al riguardo dall’Asst Lariana – Alcune tracce sono state trovate verso l’uscita su San Carpoforo».
L’azienda è in contatto con la polizia provinciale.
Gli animali probabilmente scendono di sera e di notte in cerca di cibo.
«Stiamo collaborando con la polizia provinciale – fanno sapere ancora dall’Asst Lariana – da tempo è stata posizionata anche una apposita gabbia. Tutte le sere i nostri vigilanti vanno a controllare l’area verde».
«Il problema in quell’area è noto – dice Marco Testa, Comandante della Polizia Provinciale – In un anno abbiamo catturato una quindicina di cinghiali. Si tratta di animali che si muovono in piccoli branchi e si spostano dove trovano condizioni migliori. A volte si sono spinti addirittura fino alla portineria. Non c’è comunque da aver paura, sebbene facciano danni non sono pericolosi per l’uomo – aggiunge – Adesso con la fruttificazione delle castagne probabilmente se ne vedranno meno, resteranno più nei boschi». E non si tratta solo di cinghiali: «Capita di trovare anche cervi». «Noi comunque, nonostante le recenti normative e la riduzione di organico che abbiamo subìto stiamo facendo il possibile, posizionando gabbie con l’intervento dei nostri uomini specializzati» conclude Marco Testa.

20 settembre 2017

Info Autore

Paolo

Paolo Annoni pannoni@corrierecomo.it


Archivio
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto