Verso Como-Benevento: una “grande” sulla strada degli azzurri

Como Frosinone

C’è un’altra grande sulla strada del Como in questo inizio di campionato di serie B. Domani al Sinigaglia arriva il Benevento di mister Caserta, quarta forza del torneo: tre vittorie, una sconfitta e un pareggio nelle prime cinque giornate.

I campani, retrocessi dalla serie A, vogliono continuare a correre e la vittoria per 4-1 contro il Cittadella, con tripletta dell’ex Milan e Genoa Lapadula, parla da sola. Dall’altra parte, la squadra azzurra, che arriva da tre sconfitte consecutive, deve provare a risalire la china. Contro le grandi, o presunte tali (Crotone e Lecce), all’inizio del campionato aveva sfoderato due ottime prestazioni e gol. Proprio le reti, grandi assenti nelle tre ultime prestazioni azzurre.

La squadra di Giacomo Gattuso non batte il portiere avversario dal 27 agosto scorso. Da martedì la formazione azzurra è al lavoro proprio per risolvere anche questo problema, che è ovviamente determinante nel calcio.

Ben diverso il clima in casa degli stregoni giallorossi, che ieri durante la seduta all’Imbriani hanno ricevuto la visita dell’ex capitano della Roma, Francesco Totti.

I biglietti della gara (fischio d’inizio alle 14) sono in vendita fino alle 13 di sabato esclusivamente online sul sito vivaticket.com e nei punti vendita abilitati Viva Ticket. I ridotti sono per gli under 14 (compresi). Le bambine e i bambini sotto i 5 anni (compresi) entrano gratis, ma la loro presenza va segnalata al momento dell’acquisto del biglietto in modo da ottenere il tagliando d’accesso allo stadio. Per tutti i maggiori di 12 anni è necessario mostrare il green pass all’ingresso del Sinigaglia.

La partita sarà diretta da Luca Zufferli di Udine. Assistenti designati Michele Grossi di Frosinone e Dario Garzelli di Livorno. Quarto uomo Simone Taricone di Perugia. Var e Avar Luca Banti di Livorno e Oreste Muto di Torre Annunziata.

L’arbitro Zufferli non evoca gran bei ricordi nei cuori azzurri. Nel febbraio 2017 diresse Racing Roma – Como, finita 3-2 per i laziali con una lunga coda polemica. Ammonizioni ed espulsioni nella squadra di mister Fabio Gallo pagate a caro prezzo anche nella sfida successiva e polemiche con i tifosi lariani imbufaliti (QUI L’ARTICOLO DELL’EPOCA). Era il Como di serie C, però, e sono trascorsi quasi cinque anni, non varrà come alibi in caso di una cattiva prestazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.