Nuovo vescovo di Como: voci insistenti su Oscar Cantoni

Potrebbe essere monsignor Oscar Cantoni il nuovo vescovo di Como, destinato a succedere a monsignor Diego Coletti, che ha compiuto 75 anni domenica scorsa e, come prevede il Diritto Canonico, ha presentato a Papa Francesco le sue dimissioni. È quanto scrive il giornale telematico “Crema News”, riferendo «una voce, insistente da Roma, Città del Vaticano». Il presule di Crema è comasco. Nativo di Lenno, classe 1950, si trasferì con la famiglia a Tremezzo all’età di otto anni. Entrò in seminario a Como nel 1970, dopo gli studi classici al Collegio Gallio. Ordinato sacerdote dal vescovo Teresio Ferraroni nel 1975, gli fu affidata la pastorale delle vocazioni in Diocesi. Il 5 marzo 2005 fu ordinato vescovo da monsignor Alessandro Maggiolini. Papa Giovanni Paolo II gli affidò la Diocesi di Crema, dove tuttora esercita il suo ministero. Cantoni è anche presidente dei seminari italiani. Riguardo l’indiscrezione di un eventuale ritorno a Como in qualità di vescovo, “Crema News” scrive che «da Roma si spingono anche più in là, affermando che l’annuncio sarebbe stato messo in programma già sabato prossimo (domani, ndr)». Tra le voci sugli eventuali successori di monsignor Coletti, che peraltro potrebbe invece essere confermato al suo posto per un certo periodo di tempo, c’è anche quella di Claudio Giuliodori, 58enne nativo di Osimo nelle Marche, già vescovo di Macerata e oggi assistente ecclesiastico dell’Università Cattolica di Milano.

© | . .

 

Articoli correlati