Il vescovo: «Scrivete sul web solo ciò che direste di persona»

L'incontro tra il vescovo e i giornalisti comaschi L’incontro tra il vescovo e i giornalisti comaschi

Scrivere sul web come se si avesse di fronte la persona cui quelle parole sono indirizzate. È il monito lanciato oggi dal vescovo di Como, Oscar Cantoni. «È importante che si possa dire e scrivere in rete solo ciò che si ha il coraggio di dire di persona, frontalmente», ha detto monsignor Cantoni ai giornalisti, in occasione del tradizionale momento di incontro con la stampa per la giornata dedicata a San Francesco di Sales, patrono degli operatori dell’informazione.
Il vescovo ha invitato tutti a riflettere sull’importanza delle parole e delle immagini, raccomandando ai giornalisti di avere come filo conduttore la misericordia e non il giudizio. «Attenzione – ha sottolineato monsignor Cantoni – le parole, gli scritti, le immagini hanno conseguenze che procedono e restano nel tempo, piccole o grandi che siano».
L’invito, rivolto ai giornalisti, è diventato poi un monito per tutti.
«È bene che impariamo a condividere testi e immagini solo dopo averli bene letti, valutati e compresi e questo è un discernimento che ciascuno di noi deve fare – ha aggiunto il vescovo – Le persone hanno bisogno di essere avvolte non dal giudizio ma dal mantello della misericordia».
La speranza è quella di contribuire a creare un clima più sereno. «Noi creiamo un clima, voi create un clima – ha detto monsignor Oscar Cantoni ai giornalisti – Create le condizioni per una convivenza o una non convivenza. Può crescere l’aggressività con un certo stile, mentre noi abbiamo il diritto e il bisogno di una pacificazione tra le persone».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.