Via Borgovico vecchia, l’assessore al Turismo punta sulla pedonalizzazione e sull’effetto Brera

Como, via Borgovico

«È un progetto molto valido in cui anche io, sebbene sia in Comune da poco, credo fermamente. L’assessore Marco Butti ha fatto un ottimo lavoro insieme a commercianti e associazioni. Speriamo possa funzionare al meglio. Potrebbe rappresentare un’idea pilota per altre strade cittadine». Al neo assessore a Turismo e Cultura del Comune di Como Livia Cioffi, piace dunque l’esperimento di pedonalizzazione di via Borgovico vecchia – il via ieri sera, la conclusione del primo appuntamento è per domenica a mezzanotte – e il tentativo di trasformarla in una piccola Brera in salsa lariana.

«Certo il paragone potrebbe sembrare ardito ma visto l’impegno profuso, gli eventi in cartellone e le idee che sono emerse non lo è poi così tanto. Ci credo anche perché è stato fatto un grande sforzo organizzativo da parte del Comune e quindi i risultati arriveranno. Siamo fiduciosi». Come noto quello in corso è il primo dei tre week end che vedranno la strada chiusa dalle ore 19 alle 24 dal venerdì alla domenica. Già previsti dagli organizzatori altri due fine settimana di repliche, il 25-26-27 settembre e il 23-24 e 25 ottobre. L’obiettivo, come noto, è quello di vivacizzare la piccola via con eventi, mercatini e incontri grazie all’impegno dell’Associazione Borgovico Street e da Confesercenti. Bisognerà ovviamente capire se l’esperimento potrà innanzitutto funzionare e se l’operazione sarà adeguatamente supportata da Palazzo Cernezzi.

Così sembrerebbe almeno dalle parole dell’assessore Cioffi. «Non solo quella di via Borgovico vecchia è una buona idea ma potrebbe anche rappresentare il progetto apripista per iniziative simili. E non penso alle strade del centro che già di per sé sono attrattive per turisti e cittadini ma invece penso a zone magari più decentrate ma con grandi potenzialità. Si potrebbe infatti capire dove ripetere simili esperienze coinvolgendo tutti, dai commercianti alle associazioni e ovviamente al Comune», chiude l’assessore al Turismo di Palazzo Cernezzi. Intanto come detto, ieri dalle 19, è scattato il primo blocco alle auto. La cittadinanza ha risposto con interesse alla novità. Non tantissime le persone scese subito in strada ma con il passare delle ore la novità ha attratto cittadini e curiosi che si sono aggirati nei tanti negozi presenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.