La proposta: via Cadorna sia dedicata a don Roberto Malgesini

Don Roberto Malgesini

Cambiare nome a via Cadorna per dedicare la strada cittadina a don Roberto Malgesini, il prete ucciso in piazza San Rocco lo scorso settembre. Questa la proposta presentata dall’avvocato comasco Mario Lavatelli, che è anche presidente di Acus, Associazione civica utenti della strada, al sindaco di Como, Mario Landriscina.

Nella missiva inviata lunedì scorso al primo cittadino Lavatelli scrive: «Caro sindaco, il ricordo di don Roberto Malgesini è vivo in noi ed una città che ha avuto la grazia di vederlo operare, mite e gentile, ha il dovere civico di onorarne la memoria».
«È vero che è “beato quel popolo che non ha bisogno di eroi” – aggiunge Lavatelli citando il drammaturgo tedesco, Bertold Brecht – ma di beati, anzi di Santi, ne abbiamo bisogno tutti per continuare a sperare e dare testimonianza alla nuove generazioni».

Quindi una seconda citazione, questa volta sono le parole di Niccolò Machiavelli: «Scriveva che gli italiani sono superiori nei duelli “ma, come si viene alli eserciti, non compariscono. E tutto procede dalla debolezza dei capi”. E allora possiamo tranquillamente convenire che due vie, rispettivamente intitolate ai generali Cadorna e Diaz, sono troppe e troppo contraddittorie. Poniamo termine all’ossimoro storico e lasciamo Cadorna all’oblio, intitolando la via a don Roberto, come mi ha invitato a perorare un anziano saggio» conclude.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.