Via dal “Cube” senza pagare: passerà un anno ai “domiciliari”

altUna 34enne arrestata dalle volanti
Passerà un anno ai domiciliari dopo aver patteggiato la pena per tentata rapina e resistenza a pubblico ufficiale.
È questa la conclusione di un fatto di cronaca, andato in scena nella serata di martedì al bar “Cube” di Como, che ha visto come protagonista una 34enne di Como. La ragazza, in compagnia di due amiche e di un uomo, entrano al bar e consumano per un totale di 48 euro. Al momento di pagare, tuttavia, il gruppo si alza ed esce senza aprire il portafoglio, subito inseguito dal

barista e da una collega. Ed è a questo punto che la 34enne reagisce non solo inveendo contro i baristi, ma addirittura aggredendo uno dei due. E questo nonostante il suo amico avesse tentato di pagare il conto per mettere fine alla vicenda. I quattro, a questo punto, raggiungono il parcheggio, salgono in auto e si allontanano. Sulle loro tracce si mette una pattuglia delle volanti della Questura che individua il mezzo e lo ferma. Anche in questa occasione, la 34enne non abbassa i toni cercando di colpire gli agenti. L’epilogo, a questo punto, è scontato: la ragazza viene arrestata e condotta in camera di sicurezza in attesa del processo con il rito direttissimo che si è svolto ieri mattina. Alla fine ha optato per patteggiare un anno di pena che sconterà ai “domiciliari”. Il fatto è andato in scena tra le 18.30 e le 20.30.

M.Pv.

Nella foto:
Il Cube di Como, dove è andato in scena il movimentato episodio chiuso con un arresto

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.