Via Grandi, barriere pericolose a bordo strada. Diverse le segnalazioni

como, via Achille Grandi, stato di degrado del controviale pedonale

Una barriera dovrebbe proteggere, tutelare, preservare. Nel caso di via Grandi, a Como, le barriere da protezione si trasformano in pericolo. Il caso nasce da una segnalazione, ma ogni comasco che passa dalla strada – e sono migliaia, perché è una delle vie principali d’accesso alla città – si sarà accorto delle pericolosissime barriere rotte. Anni, decenni orsono, chi progettò l’arredo urbano di via Grandi –la strada che porta da piazza San Rocco a viale Innocenzo – pensò di proteggere i pedoni con una serie di paletti di cemento. Ciò che il progettista non immaginava, però, è che negli anni a venire la manutenzione sarebbe stata a dir poco carente.
E così, parte dei paletti di cemento è stata abbattuta dalle auto a causa di qualche incidente. Le protezioni rotte non sono state sostituite. A lato della strada si vedono quindi calcinacci di cemento e resti di tondini di ferro che reggevano i paletti abbattuti.
In queste condizioni, le protezioni – oltre a non servire allo scopo per cui vennero installate – si trasformano in una trappola potenzialmente molto pericolosa per ciclisti e motociclisti, che in caso di scivolata rischierebbero di scontrarsi contro i paletti di cemento o contro i resti. Un problema di sicurezza, quindi, anche in considerazione dell’altissimo numero di veicoli che attraversano via Grandi.
Senza parlare, poi, di decoro urbano: il paesaggio – già rovinato dai ruderi della Ticosa – certo non viene impreziosito dai resti dei paletti di cemento abbattuti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.