Via i bus dai Portici Plinio, Molinari avvierà la sperimentazione

La viabilità che cambia
L’assessore sabato ha raccolto oltre 230 pareri favorevoli tra la gente in un paio d’ore

Tutto si può dire dell’assessore alla Viabilità, Stefano Molinari, ma certo non è uno che si arrende alla prima difficoltà.
Così, nonostante la fumata nera uscita dal gruppo consiliare del Pdl la scorsa settimana sull’ipotesi di spostare in viale Lecco il capolinea dei bus e di eliminare i parcheggi blu da piazza Roma, piazza Grimoldi e via Pretorio, Molinari partirà con la sperimentazione. E lo farà forte delle indicazioni dello stesso gruppo, ma pure delle 230 e oltre firme raccolte

dallo stesso assessore sabato in via Boldoni.
L’assessore ha deciso di scendere direttamente in piazza per sentire cosa ne pensasse la gente in merito e il risultato è stato, secondo l’esponente della giunta di Palazzo Cernezzi, quasi un plebiscito. Oltre duecento sì alla pedonalizzazione in un paio d’ore. I numeri sono ulteriormente cresciuti grazie ad alcuni commercianti che hanno proseguito nella raccolta delle adesioni.
Ma erano proprio tutti favorevoli? Quindi gli unici scettici in materia li avete nel gruppo consiliare? «La maggior parte era favorevole, ma non sono mancati gli indecisi. Anche questi però, dopo che ho illustrato il progetto, si sono trasformati in sì – spiega l’assessore – Ci sono stati un paio di no, un signore era particolarmente contrariato, ma la maggioranza dei pareri affermativi è stata schiacciante».
Non capita tutti i giorni però di vedere un assessore scendere in piazza per cercare assenso su una decisione sul futuro della città.
«La maggiore soddisfazione che ho avuto è stata la vicinanza della gente. La mia iniziativa è stata accolta molto bene, con serenità. Ho pensato: se ci sono dei dubbi è inutile chiudersi nel Palazzo, si deve scendere in piazza e ascoltare i residenti. Sono sempre stato un politico del fare».
Quindi partirà la sperimentazione? «Io credo che il periodo di prova sia un dovere dopo queste indicazioni – aggiunge Molinari – Ho parlato con gli uffici e crediamo in questa iniziativa. Io sotto l’aspetto politico della vicenda, i miei dirigenti sotto quello tecnico. Mi hanno garantito che funzionerà tutto. Anche il nostro gruppo consiliare era disponibile alla sperimentazione, del resto. Non voglio però saltare il gruppo e la giunta. Porterò il progetto prima nel gruppo consiliare, e poi in giunta per la relativa delibera».
La “rivoluzione” proposta da Molinari prevede anche la trasformazione di un centinaio di posti blu in stalli per residenti in piazza Roma e la soppressione di alcuni parcheggi alla fine di viale Lecco (zona giardinetti) per consentire la sosta degli autobus.
Questo espediente, secondo Molinari, oltre ai bus da sotto il Duomo, farebbe sparire circa 250 auto ogni ora dall’asse viale Lecco-piazza Roma-via Bertinelli, poiché verrebbero meno tutti i veicoli che ora cercano posteggio. E un assist all’assessore arriva anche da uno dei maggiori oppositori della giunta Bruni, Donato Supino di Rifondazione comunista. Supino si può considerare un esperto in materia, avendo ricoperto per molti anni il ruolo di sindacalista nelle aziende che si sono occupate del trasporto pubblico in città.
«Ho sentito e visto il segretario della Cgil trasporti, Patrizio Chiappa – dice Supino – che si era già detto favorevole allo spostamento del capolinea dai Portici Plinio. Così la penso anch’io. Forse in molti non si ricordano, ma io stesso, nel 2000, proposi una riorganizzazione di questo genere. Ora bisogna fare una sperimentazione per un certo periodo».
Gli unici dubbi di Supino riguardano il nuovo capolinea.
«Io e Chiappa pensiamo che il capolinea debba andare nel piazzale della stazione di San Giovanni e non in viale Lecco dove si verrebbe comunque a creare troppa confusione».

Paolo Annoni

Nella foto:
Autobus di Asf Autolinee fermi in via Plinio, a pochi passi dal Duomo. La sperimentazione dovrebbe portare il capolinea in viale Lecco

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.