Via Milano Alta, i commercianti chiedono parcheggi e offrono delle soluzioni

Il traffico in via Milano Alta

«In attesa della Ticosa, la mancanza di parcheggi ci farà tirare giù le saracinesche. In via Milano alta fioccano le multe ma non ci sono posti auto». Lo sfogo è di Stefano Vicari, portavoce dei commercianti della parte alta di questa strada su un tema, la cronica carenza di stalli in città, che ciclicamente si ripropone in tutta la sua gravità. «Siamo d’accordo nel puntare a grandi idee come la riapertura dopo la bonifica dell’ex tintostamperia, ma nel frattempo ci sono piccoli interventi che si possono realizzare subito e con un investimento minimo», dice Vicari. E vengono subito indicati luoghi ben precisi. «A partire dalla parte conclusiva di via Milano Alta, sulla sinistra per chi scende, davanti a una banca dove oggi ci sono 5 posti tratteggiati orizzontalmente, si potrebbe semplicemente ridisegnarli a lisca di pesce. Gli spazi utili ci sarebbero e così già raddoppierebbero i posti. Lo stesso pochi metri più in su dove c’è una rientranza nella strada. E così si potrebbero ricavare già una ventina di posti invece che meno di 10. Poca roba, lo capisco, ma vista la situazione per noi che ci lavoriamo sarebbe sicuramente un aiuto». Un primo sopralluogo, già parecchio tempo fa, venne eseguito anche con Mario Lavatelli, presidente di Acus. «In effetti ci sono punti in cui un semplice ridisegno delle strisce, essendoci gli spazi, consentirebbe di avere più posti auto. È necessario, in attesa di interventi strutturali più articolati, iniziare dalle piccole cose. Anche perché i commercianti rischiano, ormai da anni, di vedere compromesse le proprie attività e i clienti inevitabilmente non riescono a fermarsi. Sulla zona si sta intervenendo – dice Lavatelli – Prima è stato rimosso il divieto di accesso in via Milano Alta dalle 7 alle 9 in vigore fino a qualche mese fa, poi a breve partirà la sperimentazione della rotonda in pizza San Rocco. Tutti interventi di sicuro impatto ma adesso si deve guardare anche alla via in sé. Le possibilità ci sono bisogna capire come concretizzarle».
Altri parcheggi sono poi recuperabili «in via Grandi, nel tratto che corre parallelo a via Milano Alta. Ci sono dei punti, dove oggi ci sono dei piccoli muretti in cemento per lo più distrutti dove si potrebbe intervenire con un ridisegno della sosta così come negli spazi angusti oggi incastrati tra alcune piante che ormai con le radici lasciate crescere senza controllo hanno invaso la sede stradale», aggiunge Vicari. Entro breve i commercianti di via Milano Alta chiederanno un incontro con il sindaco Mario Landriscina e con l’assessore competente Vincenzo Bella «per mettere sul tavolo queste semplici idee che però per noi avrebbero sicuro effetto», chiude Vicari.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.