Via Regina, parcheggio “giungla”

Il parcheggio di via Regina

«Nel 2018 la Lega ha chiuso il campo di via Regina, cantando vittoria in una presunta crociata contro il degrado e l’immigrazione. Poi, il campo è stato trasformato in un parcheggio che doveva servire la città e la sua carenza di posti auto. Ma, oggi, questo luogo è una giungla vera e propria, tra arbusti e rami, e macchine che devono trovare posto tra la vegetazione. Uno scandalo. Volevano salvarci dall’invasione ma hanno condannato un altro angolo di Como al degrado». La denuncia arriva dalla consigliera comunale del Pd Patrizia Lissi, che ieri ha inviato una nota corredandola di foto che in modo inequivocabile testimoniano lo stato di abbandono in cui versa l’area di via Regina.
Lissi parla di «ironico paradosso: non c’è più la struttura che in questo momento sarebbe provvidenziale per ospitare i senzatetto ma non c’è nemmeno uno spazio funzionale per risolvere un altro problema (ben diverso seppur cronico) della città: i posti auto. Ecco il risultato di una delle gloriose crociate della giunta Landriscina».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.