Viabilità sul lago: domani stop tra Argegno e Colonno. A Blevio resta il senso unico alternato

Statale Regina

Le conseguenze del maltempo continuano a farsi sentire e arrivano nuove disposizioni per regolare la viabilità nei luoghi più duramente colpiti dall’alluvione di fine luglio.

Innanzitutto a Blevio rimarrà in vigore il senso unico alternato sulla Lariana fino al prossimo 16 agosto. L’ordinanza provinciale si è rivelata fondamentale per procedere con gli interventi di ripristino dopo le frane e per eseguire le operazioni sull’edificio di via Caronti, tra i più danneggiati dal maltempo. Per l’esecuzione di tali interventi dovrà dunque essere mantenuto il senso unico alternato regolato da un impianto semaforico.
Sull’altra sponda del lago, rimane invece chiusa la Statale Regina Vecchia a Laglio, nei pressi del cimitero comunale, dove ormai da oltre una settimana si lavora ininterrottamente per rimuovere una montagna di detriti che ha bloccato la circolazione.

Sempre da Villa Saporiti infatti è arrivata un’ordinanza apposita che dispone il prolungamento della chiusura senza specificare una possibile data di riattivazione della circolazione. Il problema maggiore non riguarda i detriti ormai praticamente rimossi ma la presenza «di un ruscellamento da acqua sulla strada non facilmente canalizzabile proveniente dal reticolo idrico minore in corrispondenza del torrente Caraello», si legge nella disposizione.

Inoltre, anche se non strettamente connessi al maltempo, sono previsti a Cernobbio lavori di fresatura e asfaltatura. Queste le specifiche: «Per motivi di pubblica incolumità è prevista la chiusura della ”Vecchia Regina” a Cernobbio dalle ore 21 di mercoledì 4 agosto sino alle 6 di sabato 7 agosto e dalle 21 di lunedì 9 alle 6 di mercoledì 11».

Infine, per consentire lo svuotamento della barriera paramassi lungo la Regina, Anas ha comunicato che tra Argegno e Colonno la strada sarà chiusa domani dalle 9 alle 18 e il traffico sarà di conseguenza deviato lungo la provinciale per la Valle Intelvi fino a Porlezza e viceversa.

Caritas diocesana
Grazie alla rete di solidarietà attivata con i parroci dei paesi colpiti dai violenti nubifragi, la Caritas diocesana ha consegnato 12 deumidificatori ad altrettante famiglie (9 a Cernobbio, 2 a Maslianico e 1 a Schignano) per “asciugare” i locali delle case inondate. La Caritas diocesana informa che altri deumidificatori sono a disposizione per chi ne avesse bisogno. Informazioni al numero di telefono 031.035.35.33.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.