Cronaca

Viale Innocenzo, dopo l’ultimo rogo Comune e privati blindano l’area

altLotta al degrado
Iantorno: «Sopralluogo assieme, poi chiusura di ogni varco»
La telenovela sull’ex area industriale di viale Innocenzo, alle spalle dell’edificio che per molti anni ha ospitato la catena Blockbuster, non è ancora finita. A dispetto della recente e massiccia messa in sicurezza del perimetro del comparto, con gli accessi in buona parte murati e resi ben difficilmente accessibili, negli ultimi giorni l’ipotesi che l’area sia tornata a ospitare senzatetto e disperati, specialmente nelle ore notturne, si è fatta concreta.

A dimostrarlo, l’incendio che si è sviluppato venerdì notte proprio in quella zona, con alcuni rifiuti andati a fuoco e una colonna di fumo nera e alta diversi metri che si è alzata dall’ex edificio industriale. Sul posto sono intervenute tre squadre dei vigili del fuoco, che hanno rapidamente spento il rogo. Ma, dopo questo episodio, il Comune di Como è tornato all’attacco.
«Nelle ultime settimane – ha spiegato ieri l’assessore alla Sicurezza, Marcello Iantorno – la polizia locale ha effettuato diversi accessi all’area dismessa, rinvenendo a volte la presenza di abusivi. In un caso, in particolare, quattro persone sono state identificate».
Fatti avvenuti – come riconosce lo stesso assessore – a dispetto del fatto che i privati proprietari dell’area «abbiano effettuato, come da ordinanza del sindaco, alcuni lavori di chiusura degli accessi con opere in muratura». Alcuni varchi, però, evidentemente sono rimasti tuttora accessibili.
«La polizia locale – aggiunge l’assessore alla Sicurezza – sta procedendo a identificare i proprietari di tutte le aree vicine. Nel frattempo, uno di essi è stato invitato a ultimare la pulizia dell’area e ad attivarsi affinchè inibisca comunque l’accesso, coordinandosi con altri confinanti». Una mossa che ha comunque trovato l’accordo dei privati, visto che lo stesso Iantorno sottolinea di aver «appena avuto l’impegno degli interessati a un sopralluogo per rimuovere dall’area dismessa i rifiuti ancora presenti, anche per evitare ulteriori possibili cause di incendi. C’è anche l’impegno a confrontarsi con altri confinanti per mettere in sicurezza tutti i lati dai quali è possibile l’accesso».
«Quella delle aree dismesse in città è un gravoso problema – conclude l’assessore – La polizia locale ha realizzato un elenco di tutte le aree abbandonate di Como, che spesso costituiscono motivo di allarme per i residenti e che rappresentano un grave danno al decoro dei luoghi. Si procederà quindi alla identificazione delle proprietà per cercare di prevenire ulteriore degrado e comunque per far realizzare tutti gli interventi necessari e utili ai residenti».

Nella foto:
uno degli accessi dell’area in viale Innocenzo da poco messo in sicurezza
6 Maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto