Vigilesse a processo per falso: simularono un incidente con un'auto pirata

Questa, almeno, è la tesi della Procura in merito ad un sinistro che avvenne a Lurago Marinone nel 2009

Due vigilesse in servizio, all’epoca dei fatti, al consorzio di polizia locale facente capo a Guanzate, sono finite a processo con l’accusa di falso. Secondo l’imputazione avrebbero simulato – per scopi difficili da comprendere – un incidente stradale mentre erano di servizio, segnalando una macchina pirata in fuga che per la procura non sarebbe mai esistita. In aula sono comparse una 35enne residente ad Appiano Gentile, e una 38enne di Villa Guardia. Secondo il loro racconto, il 30 novembre del 2009, sarebbero state speronate a Lurago Marinone da una Y10 con tre ragazzi a bordo. Per i carabinieri intervenuti sul posto, invece, quei danni erano compatibili con un urto contro un palo e non con un tamponamento. Tesi avallata anche da una decina di carrozzieri che visionarono l’auto.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.