Vigili del fuoco, famiglia e scienziati. Ecco in che cosa credono i comaschi
Società, Territorio

Vigili del fuoco, famiglia e scienziati. Ecco in che cosa credono i comaschi

I cittadini hanno fiducia nei vigili del fuoco I cittadini hanno fiducia nei vigili del fuoco

Famiglia, vigili del fuoco e scienziati. Una ricerca dell’Università degli Studi dell’Insubria ha rilevato quali sono le figure e le istituzioni che riscuotono maggior consenso tra i cittadini italiani.

Grazie a oltre 1.100 questionari, distribuiti in gran parte nelle province di Como, Milano e Varese, gli studenti del secondo anno del corso di laurea in Scienze della Comunicazione hanno svolto un’indagine sociologica basata su tre domande: la prima riguardava la fiducia verso le “istituzioni”, la seconda la fiducia verso le professioni e l’ultima le cause dello scarso coinvolgimento dei cittadini verso l’informazione.

L’istituzione “famiglia” è quella che ha registrato il maggior indice di gradimento, con una percentuale dell’89,20% sul totale, evidenziando come gli italiani rimangano fortemente legati ai valori tradizionali.

Al secondo posto troviamo i “vigili del fuoco” con il 46,3%; mentre in terza posizione la “ricerca scientifica” con il 35,8%. Quest’ultima registra un forte incremento rispetto agli anni passati.

Da segnalare la fiducia verso il Papa, votato in particolare dagli italiani sopra i 36 anni. Francesco è visto come un innovatore della Chiesa, in grado di riformare una debole istituzione religiosa. Basse percentuali hanno invece ottenuto la politica e lo Stato. In discesa anche altre istituzioni come l’Inps, il Consiglio Regionale e la figura del sindaco. Gli unici risultati leggermente positivi hanno riguardato il presidente della Repubblica e le istituzioni europee, ritenuti in grado di effettuare un controllo più affidabile e imparziale sugli altri enti.

La figura professionale che ispira maggiore fiducia è quella del medico con il 56,7% seguita da quella dello scienziato (31,9%) e del farmacista (25,6%).

Per quanto riguarda l’ultima domanda, i giovani under 18 ritengono che l’informazione tradizionale sia stata soppiantata dal Web. Le fasce d’età più alte sottolineano l’eccessiva influenza degli editori e delle forze politiche sul lavoro delle varie testate.

A ciò si aggiunge l’insofferenza di fronte a notizie troppo spettacolarizzate e facilmente strumentalizzabili, oltre alla diffidenza verso le fonti informative considerate spesso non affidabili.  Cala, di conseguenza, la fiducia verso i giornalisti (8,20%). Nonostante tutto il questionario lascia una nota di speranza: solo il 3,50% del campione è disinteressato all’informazione.

 

27 Apr 2018

Info Autore

Dario Campione

Dario Campione dcampione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto