Villa Geno, in ritardo la pulizia. Iantorno: «Questione di giorni»

altTurismo e degrado
Entro la fine dell’anno il bando per la gestione della struttura
Sedie rovesciate, tavole di legno accatastate, oggetti sparsi.
Rimosso il tendone che era stato lasciato dai vecchi gestori, il giardino sul retro di Villa Geno è ancora un deposito, delimitato da reti di cantiere che contribuiscono a dare all’area un’immagine di abbandono.
«Termineremo presto l’intervento di pulizia», assicura l’assessore al Patrimonio del Comune di Como Marcello Iantorno. Il ristorante di Villa Geno è chiuso ormai da un anno. Il Comune ha un contenzioso aperto

con i vecchi gestori e nel giugno scorso ha ripreso pienamente possesso della struttura, di proprietà di Palazzo Cernezzi. Proprio nei giorni scorsi è stata annunciata l’imminente pubblicazione di un nuovo bando per individuare un nuovo operatore che possa riaprire la dimora.
In attesa della svolta però, sul retro della villa, fronte lago, proprio davanti alla fontana galleggiante, al momento resta un’area abbandonata, delimitata da reti di cantiere e invasa da oggetti di vario genere accatastati alla rinfusa.
L’immagine stride con il contesto che, soprattutto dopo i recenti interventi di sistemazione, è comunque pittoresco e suggestivo. E se nel periodo invernale la zona è meno frequentata, resta comunque un tasto dolente per i comaschi e i turisti che si spingono per una passeggiata fino a Villa Geno.
«I vecchi gestori dovevano portare via tutto, invece hanno lasciato materiale accatastato nel giardino – dice Marcello Iantorno – Una situazione che creava anche un problema di sicurezza e sulla quale abbiamo dunque deciso di intervenire. Nei giorni scorsi è stato rimosso il tendone che era rimasto ed è stata decisa un’opera completa di pulizia».
L’intervento dovrebbe essere concluso in tempi brevi. «Non è un lavoro complesso, ma solo un intervento di pulizia – precisa l’assessore – Lo completeremo rapidamente e di sicuro, quando sarà individuato il nuovo gestore avremo una struttura in ordine. L’area è delimitata da reti di cantiere, ma anche queste saranno poi rimosse».
Entro la fine dell’anno dovrebbe essere pubblicato il bando per individuare un nuovo gestore. «Procediamo con la definizione del bando – conclude Iantorno – Sappiamo già che ci sono manifestazioni di interesse di operatori di valore, confidiamo in un esito positivo immediato e quindi nella riapertura in tempi rapidi della struttura». Villa Geno potrebbe essere facilmente trasformata in una dependance di una struttura extralusso con una serie di servizi quali, ad esempio, una Spa al servizio di uno o più hotel.

Anna Campaniello

Nella foto:
Villa Geno come si presenta oggi. L’edificio è stato completamente ristrutturato a partire dal 2000. Da un anno il ristorante è chiuso

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.