Villa Olmo, tempi lunghi: ma il giardino sarà aperto a Pasqua
Cronaca

Villa Olmo, tempi lunghi: ma il giardino sarà aperto a Pasqua

Lavori in corso a Villa Olmo Lavori in corso a Villa Olmo

C’è una Villa Olmo, quella del parco, che sarà aperto tra pochi giorni, per le vacanze di Pasqua. E poi ci sono gli interni dell’ultima sede di grandi mostre a Como, la villa neoclassica progettata dall’architetto Simone Cantoni, per i quali nessuno preferisce ancora sbilanciarsi per un cronoprogramma dei lavori.
Ma andiamo con ordine. Il parco tra la villa e il lago sarà visitabile per Pasqua. Tempi rispettati, quindi, per uno dei gioielli verdi della città.
I lavori hanno inizialmente interessato le aree del parterre a lago e il parco all’inglese con la realizzazione delle nuove dorsali dell’impianto di irrigazione e degli impianti di illuminazione, il ridisegno delle aiuole, il rifacimento dell’intero manto erboso e la messa a dimora di nuove piante, comprese quelle di fioritura stagionale.
Siamo in dirittura d’arrivo anche per la riqualificazione del Parco storico e la creazione di un Orto Botanico a Villa Olmo.

Alcune aree del parco sono state oggetto esclusivamente di lavorazione del verde: rimonda e taglio del secco, monitoraggio e messa in sicurezza degli alberi, con particolare riferimento a quelli monumentali esistenti (cedro del Libano e ippocastano), taglio di piante e di rami particolarmente compromessi. È stato deciso di non tagliare la pianta esistente in prossimità del grande cedro del Libano, l’albero monumentale più importante del parco, che ha la vocazione di restare isolato rispetto al contesto dal punto di vista compositivo. La scelta è stata precauzionale, per via delle interferenze tra le radici dei due alberi e dei possibili attacchi fungini conseguenti al taglio della pianta secondaria.
Da poche ore sulla facciata neoclassica della villa è stata montata un’impalcatura. Sono in corso le operazioni di pulizia e restauro dell’intonaco. Secondo Palazzo Cernezzi, anche per vedere la facciata libera non si dovrà attendere molto, si parla delle fine di maggio, o al massimo dell’inizio di giugno. Tempi sovrapponibili a quelli della completa apertura dell’area esterna. Il progetto di Villa Olmo prevede infatti un nuovo percorso di collegamento interno al parco e nuovo ponte in attraversamento della roggia Valeria, ovvero la valorizzazione dell’area di accesso al ponte del “Chilometro della Conoscenza” in prossimità delle serre storiche e del percorso che collega tutto il compendio di Villa Olmo con quello di Villa del Grumello.
Le note dolenti giungono però dall’interno della villa. Gli interventi sono attualmente in fase di “riprogettazione”. I problemi sono purtroppo noti. La Soprintendenza aveva respinto il documento, chiedendo a Palazzo Cernezzi “una progettazione unitaria di tutto l’interno” e non soltanto relativa ad alcuni aspetti. Nell’intervento era stato compreso, ad esempio, l’abbattimento delle barriere architettoniche e la realizzazione di un ascensore. Su quest’ultimo particolare si erano immediatamente levate critiche e pesanti perplessità.
Il nuovo progetto dovrà essere valutato dalla Soprintendenza. In seguito si affideranno le opere. Per la facciata, il Comune di Como aveva attuato il cosiddetto appalto integrato, che affida all’appaltatore (nel caso la ditta “Ambra Conservazione e restauro” di Vanzaghello) anche la progettazione esecutiva dell’intervento, sulla base di un progetto definitivo sviluppato dagli uffici. Un taglio notevole sul tempi. Si trattava però di importi ben diversi dai 2 milioni di euro previsti per l’interno.
Paolo Annoni

21 marzo 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto