Villa Olmo, via le barriere architettoniche. Il consiglio comunale approva due mozioni

Villa Olmo

Il consiglio comunale compatto ha chiesto l’eliminazione delle barriere architettoniche a Villa Olmo, partendo dal ripristino dei percorsi pedonali nel parco che permettevano il passaggio anche a carrozzine e persone con difficoltà di movimento.
L’aula di Palazzo Cernezzi l’altra sera ha approvato due mozioni, una dei capigruppo di maggioranza e una dei consiglieri della lista “Rapinese sindaco”, che chiedevano interventi per rendere il parco e la villa accessibile a tutti.
Il primo punto prevede il ripristino delle vecchie passerelle metalliche nel parterre, coperte dalla ghiaia dopo i recenti lavori di sistemazione del parco di Villa Olmo. L’intervento dovrebbe essere eseguito a breve dalla stessa azienda che ha effettuato i lavori, alla quale l’amministrazione ha contestato la mancata realizzazione dei camminamenti.
Il secondo documento votato prevede invece un impegno più ampio per l’abbattimento delle barriere architettoniche nel parco e nella storica villa sulle rive del lago.
«Abbiamo chiesto che l’intero compendio sia reso fruibile ai disabili – conferma Fulvio Anzaldo, della lista Rapinese sindaco – La mozione è stata approvata e c’è quindi l’impegno ad intervenire. Non sono stati stabiliti i tempi, ma l’auspicio è che si possa partire al più presto, magari iniziando almeno con alcuni passaggi più semplici quali eliminare con una pedana il gradino di accesso ai servizi igienici».
«La convergenza su questo tema c’è stata e sicuramente è un dato positivo – aggiunge Anzaldo – Ora aspettiamo di vedere i risultati».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.