Villa Pliniana, rinasce la dimora di Shelley e Napoleone

Recupero approvato – Il monumento di Torno
Rinascerà la Villa Pliniana, storica dimora lariana che ospitò poeti e monarchi, tra cui Foscolo, Shelley, Stendhal, Liszt, Bellini, Rossini e Napoleone. E Fogazzaro, che vi si ispirò per il romanzo Malombra che nel 1942 fu soggetto dell’omonimo film di Mario Soldati, girato nella stessa villa.
Il consiglio comunale di Torno ha infatti approvato l’atteso piano di recupero della maestosa e severa Villa Pliniana, la cui costruzione ebbe inizio nel XVI secolo a nord dell’abitato.

Giovanni Sala, sindaco di Torno ha così commentato la delibera: «Si conclude un lungo iter che ha preso il via nel 2008. Un intervento storico che ha superato il vaglio di tutti gli organismi interessati a un patrimonio unico al mondo e che rappresenta un momento importante di rilancio per il nostro paese».
Il piano di recupero prevede la realizzazione di una autorimessa interrata, una piscina coperta e un approdo per natanti oltre a interventi di ristrutturazione di tutti i fabbricati all’interno della proprietà per utilizzo abitativo.
L’approvazione del piano, ratificato anche dalla Soprintendenza, è avvenuta con il voto favorevole dei soli consiglieri di maggioranza in quanto i quattro rappresentanti della Minoranza hanno disertato l’aula.
Costruita dal 1574 al 1577 dal conte Giovanni Anguissola, governatore di Como, fu poi proprietà dei Visconti Borromeo, dei Canarisi, di Emilio Belgioioso e poi dei suoi discendenti Trotti Bentivoglio e Valperga di Masino. Il suo nome deriva dai due Plinii che furono i primi a descrivere la fonte intermittente su cui la villa è costruita. Plinio il Vecchio la cita nella Naturalis Historia mentre Plinio il Giovane in una sua lettera.

Nella foto:
La facciata a lago di Villa Pliniana a Torno, famosa per la sua storia e la sua architettura (Baricci)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.