Cronaca

Villa Saporiti si fa il lifting. Un milione per stucchi e dipinti

altPatrimonio pubblico
Cinquecentomila euro di fondi propri, il resto è atteso da Cariplo

Villa Saporiti, tuttora sede dell’amministrazione provinciale di Como sebbene commissariata da un anno e mezzo, andrà incontro a uno dei più massicci restauri della sua storia recente. Così, almeno, dicono le carte nelle quali sono contenuti i dettagli del progetto preliminare per la radicale riqualificazione degli spazi della dimora e del parco annesso.
Entrambi, peraltro, in condizioni apparentemente critiche, stando alla lunga serie di problemi elencati nelle relazioni tecniche sullo

stato dei luoghi e dei molti tesori architettonici e botanici in questione.
Non è un caso, quindi, che sia altissima la spesa per l’intervento programmato e approvato dalla giunta provinciale: un milione di euro.
Una cifra della quale metà sarà anticipata direttamente dalle casse della Provincia, il resto verrà affidato ancora una volta all’ormai celeberrimo bando della Fondazione Cariplo che distribuirà 7 milioni complessivi al territorio.
Per quanto riguarda le motivazioni generali che hanno convinto il commissario straordinario Leonardo Carioni e le sue due vice ad avviare un’operazione così onerosa vanno citate l’intenzione di inserirsi a pieno titolo nel progetto del cosiddetto “Chilometro della conoscenza”, la volontà di rendere Villa Saporiti e il suo parco mete turistiche e, infine, realizzare il tutto entro Expo 2015.
Per quanto riguarda gli interventi, spiccano «la sistemazione di tutti i pavimenti al piano terra, la sistemazione di crepe e stucchi sulle volte dello stesso piano, la pulitura e l’eventuale ripristino delle decorazioni e la tinteggiature alle pareti, il restauro dei dipinti murali della “sala etrusca”, la revisione dell’impianto elettrico dei lampadari esistenti e la sistemazione del parco».
Peraltro, visto il pregio del contesto in cui dovranno essere compiuti i lavori di restauro e ristrutturazione, è previsto un abbondante ricorso a esperti restauratori per tutto ciò che necessiterà di interventi: dai dipinti murali ai decori, dalle opere in legno ai pavimenti dei terrazzi fino a tutti gli aspetti relativi al parco.
Il campionario dei problemi che affliggono Villa Saporiti è piuttosto lungo. Si va dall’umidità visibile sui muri perimetrali dell’edificio, alle crepe che affliggono volte e soffitti (senza causare problemi statici, comunque), fino ai distacchi di materiale da stucchi e decorazioni, infiltrazioni nei dipinti murali, disgregazione delle finiture nei pavimenti e macchie sulle piastrelle antiche.
Per quanto riguarda il parco, invece, sono necessari l’ampliamento del sistema di irrigazione, la rigenerazione dei tappeti erbosi, il ripristino dei vialetti e altro ancora. Insomma, tra tutto, una serie di interventi tali da richiedere la spesa di un milione di euro.
«È una grossa cifra – afferma il commissario straordinario, Leonardo Carioni – ma noi abbiamo l’obbligo di mantenere nel migliore stato possibile il patrimonio che ci è stato lasciato dai nostri padri. Per questo come Provincia utilizzeremo mezzo milione di fondi nostri, mentre gli altri 500mila euro contiamo di ottenerli grazie alla partecipazione al bando della Fondazione Cariplo. Su questo punto siamo ottimisti».
A questo proposito, nel caso in cui il progetto preliminare presentato dalla Provincia ottenesse i fondi richiesti, i lavori potrebbero partire entro la prima metà del prossimo anno.

E.C.

Nella foto:
Nelle foto al centro della pagina, alcuni dettagli degli ambienti al piano terra di Villa Saporiti dove si concentreranno i lavori (Mv)
22 Novembre 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto