Violentata a Milano: gip, uomo potrebbe compiere altri abusi

Così ordinanza conferma carcere per stupro vicino San Raffaele

(ANSA) – MILANO, 30 AGO – Pericolo di fuga e di reiterazione del reato. Sono queste le due esigenze cautelari sulla base delle quali ieri il gip di Milano Tiziana Gueli ha convalidato il fermo e disposto la custodia cautelare in carcere a carico di Haitham Mahmoud Abdelshafi Ahmed Masoud, l’egiziano di 31 anni finito a San Vittore venerdì scorso con l’accusa di aver violentato, vicino alla fermata della metropolitana di Cascina Gobba, una giovane di 25 anni che, il mattino del 9 agosto, si stava recando a lavorare all’ospedale San Raffaele di Milano. Nell’ordinanza che conferma il carcere il giudice spiega che il "quadro probatorio" nei confronti dell’uomo, sbarcato a Lampedusa lo scorso maggio e senza permesso di soggiorno, è molto "solido". I due elementi principali sono, infatti, la ‘granitica’ prova del Dna, che ha portato al ‘match’ tra quello dell’egiziano e il materiale genetico rintracciato sul luogo della violenza, e il riconoscimento da parte della vittima. L’egiziano, difeso dal legale d’ufficio Eleonora Bergamini, ieri nel corso dell’interrogatorio si è avvalso della facoltà di non rispondere. Nell’ordinanza viene descritta la brutale violenza e si fa riferimento alla "gravità dei fatti". Per il gip, inoltre, c’è il rischio che, se rimesso in libertà, il 31enne possa commettere altre violenze. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.