Violentò la figlia della compagna. Nei guai 49enne italo-svizzero

Aveva appena 13 anni

(m.pv.) Una ennesima brutta storia, di quelle che purtroppo ogni giorno vengono raccontate dai tribunali. Un 49enne svizzero, ma residente con la compagna a Como, è finito a processo con l’accusa di violenza sessuale nei confronti della figlia minorenne di quest’ultima di appena 13 anni (assistita dall’avvocato Paolo Camporini).
Episodi che secondo la tesi dell’accusa sarebbero andati in scena nel 2009. Le violenze sarebbero avvenute nella casa di Como e in

quella dell’uomo in Svizzera. A far emergere la drammatica storia, sarebbe stata una amica che avrebbe raccolto la confidenza della vittima nel corso di un campo estivo. Da qui poi l’apertura dell’inchiesta condotta con l’aiuto degli uomini della Questura. L’uomo è così finito in aula a Como con la pesante accusa di violenza sessuale. Nella prossima udienza la vittima, che oggi ha 17 anni, verrà sentita in forma protetta per confermare le accuse già avanzate in un incidente probatorio.
Altri testimoni avrebbero nel frattempo riferito ulteriori confidenze della 13enne, tutte sovrapponibili alla versione già fornita.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.