Cronaca

Violenza dopo il derby Monza-Como: due ultras arrestati

1polizSi tratta di supporters della squadra brianzola. Ferito un agente di polizia in servizio alla Questura di Como

Scontri esplosi al termine della partita di campionato
(m.pv.) La partita era tra quelle segnate da tempo sul taccuino con il bollino rosso. E alla fine i problemi sono puntualmente arrivati, tanto da riportare all’attenzione delle cronache (per la prima volta in questa stagione) la violenza allo stadio. 

Teatro dei tafferugli è stato il Brianteo di Monza, impianto che venerdì sera ha ospitato in anticipo la partita ci campionato di Lega Pro tra i biancorossi di casa e il Como. 
La serata si è conclusa con due ultras monzesi arrestati e con un poliziotto della Questura lariana ferito a una gamba dai due citati supporter, che sono poi stati processati ieri mattina per “direttissima”. 

Tutto è avvenuto al termine dell’incontro vinto dai brianzoli con il punteggio di 2-1. 
I 300 ultras del Como presenti in Brianza stavano tornando alle loro macchine nel parcheggio dietro la curva ospiti. 
Molti di loro, tra l’altro, erano già anche ripartiti alla volta del Lario. Nel piazzale ne erano rimasti – da quanto è stato possibile ricostruire – solo una cinquantina. Ed è stato a questo punto che dal viale adiacente sono comparsi un centinaio di ultras del Monza che hanno cercato ripetutamente di entrare in contatto con i rivali, armandosi di cinghie e aste delle bandiere. 
In mezzo si sono prontamente messi gli uomini della Digos di Como che erano giunti al Brianteo per controllare i tifosi biancoazzurri. Ne è così nato un violento scontro in cui pare che tra l’altro, ad avere la peggio, siano stati proprio i monzesi. 
Un paio di ultras biancorossi sono però riusciti a colpire con dei calci un agente comasco che è rimasto ferito ad una gamba. 
Trasportato poi in ospedale per accertamenti, al poliziotto è stata diagnosticata una prognosi di sette giorni. 
I supporter monzesi responsabili dell’aggressione sono stati immediatamente bloccati e arrestati. Nel frattempo gli ultras del Monza sono stati rispediti lungo il viale da dove erano giunti, dove pare che siano stati esplosi anche dei lacrimogeni. 
La situazione è poi tornata alla normalità, ma solo dopo diversi minuti di agitazione. 
I cinquanta ultras del Como sono poi tornati in città senza conseguenze. Problemi hanno invece avuto, come è logico che sia, i due supporter brianzoli arrestati che ieri mattina sono comparsi in aula in tribunale a Monza per essere processati con il rito “direttissimo”. 
L’arresto è stato convalidato ma la difesa ha chiesto i termini. Entrambi torneranno davanti al giudice in gennaio.
La rivalità tra Monza e Como era ben nota alle forze dell’ordine che hanno costantemente monitorato quello che accadeva dentro e fuori lo stadio Brianteo. E la situazione tutto sommato era rimasta nell’ambito dello scontro verbale, fin quando sono avvenuto i fatti appena narrati, a molti minuti tra l’altro dal termine della partita e quando la gran parte dei tifosi azzurri era già ripartita per la città.

18 ottobre 2014

Info Autore

Paolo

Paolo Annoni pannoni@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto