Violenza sessuale su minore, condannato ex animatore parrocchiale

Il carcere del Bassone

Sentenza confermata in Appello per un uomo di 36 anni, la vittima ne aveva tredici

Una triste storia di violenza su un minore sul Lario che riemerge da un’aula della Corte di Appello di Milano.
È stato portato in carcere, al “Bassone” di Como, l’ex animatore di un centro estivo parrocchiale. Si tratta di un 36enne comasco, condannato anche in secondo grado a tre anni e sei mesi di reclusione per violenza sessuale aggravata nei confronti di un minore, all’epoca dei fatti tredicenne.
Il provvedimento è stato eseguito dai carabinieri dopo la lettura della sentenza da parte del giudice. Gli episodi contestati al 36enne risalgono a quattro anni fa, il 2014.
Fu la madre del ragazzino che frequentava la parrocchia a denunciare ai militari che il figlio era vittima di molestie a sfondo sessuale.
Immediata l’apertura dell’inchiesta, con i carabinieri, nel corso di alcune perquisizioni avevano trovato all’indagato dei supporti informatici contenenti materiale pedopornografico.
L’ex animatore della parrocchia era stato così condannato in primo grado dal Tribunale di Como a tre anni e sei mesi.
L’uomo era ricorso con i suoi avvocati in Appello contro la sentenza, ma si è visto confermare la condanna anche nel secondo grado di giudizio.
Così i carabinieri hanno fatto scattare il provvedimento di esecuzione della pena all’interno del carcere del Bassone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.