Vivo dopo una scossa da 3600 volt. Operaio 38enne salvato dai colleghi

 

altStoria a lieto fine
Tragedia sfiorata ieri mattina alla stazione di Luisago

Tante volte si abusa della parola miracolo, ma quello che è andato in scena ieri mattina a Luisago se non lo è davvero ci va comunque molto vicino.
Un operaio di una ditta che stava lavorando all’interno della sottostazione elettrica delle FerrovieNord, è rimasto folgorato da una scossa da 3.600 volt perdendo i sensi e andando in arresto cardiaco. Anticamera di un dramma che non si è consumato grazie al pronto intervento dei colleghi che hanno iniziato le pratiche di rianimazione per poi

passare la mano agli uomini del 118 nel frattempo sopraggiunti con il defibrillatore. Insomma, già ieri pomeriggio l’uomo – seppur sotto shock – stava bene e questa mattina, dopo una notte passata in osservazione, potrebbe essere dimesso. Una cosa davvero incredibile pensando alla scarica elettrica che ne ha trapassato il corpo.
La vittima è un uomo di Triuggio, in provincia di Monza e Brianza, di 38 anni. Con alcuni colleghi stava lavorando all’interno della centrale. Era in cima ad una scala quando – pare con un ginocchio – ha toccato dei cavi elettrici. La scossa è stata impressionante, di circa 3.600 volt. L’uomo ha perso i sensi ed è andato in arresto cardiaco. I colleghi si sono accorti del dramma e sono intervenuti praticando manovre di rianimazione, decisive assieme all’immediato arrivo del 118. Nella sottostazione elettrica sono arrivati anche i vigili del fuoco, oltre alla Polfer e ai tecnici dell’Asl. La vittima si è ripresa ed è arrivata al Sant’Anna di San Fermo cosciente. I medici dell’ospedale hanno visitato il folgorato e le condizioni sono state ritenute buone. È stato comunque deciso di tenere il 38enne sotto osservazione ma già questa mattina potrebbe essere dimesso.
Nel pomeriggio è intanto giunto un comunicato in cui FerrovieNord ha espresso «la propria vicinanza al lavoratore coinvolto nell’incidente augurando una pronta ripresa». «L’incidente – si legge ancora – è avvenuto all’interno del cantiere della società Mont-Ele, subappaltatrice per conto dell’impresa Alstom Ferroviaria che sta seguendo il rinnovo degli impianti di trazione elettrica della linea per Como. FerrovieNord – è la chiosa – ha aperto un’inchiesta e ha sospeso cautelativamente le lavorazioni in corso all’interno della Sottostazione Elettrica».

Nella foto:
A destra, il momento dei soccorsi da parte del 118 al 38enne operaio folgorato. A sinistra, l’arrivo sul posto anche della polizia e dei vigili del fuoco (foto Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.