di Mario Rapisarda, Opinioni & Commenti

Vizi privati e pubbliche poltrone

di Mario Rapisarda

Tanto tuonò che piovve. Perdonate il ricorso alla frase fatta, ma la situazione di Palazzo Cernezzi, prima o poi, doveva esplodere.

E alla fine, dopo settimane, anzi mesi di litigi, passi falsi e smanie di protagonismo da parte di qualche assessore, è venuto alla luce il palese scollamento tra le forze della coalizione. Evidenziato da una troppo spesso evidente inefficacia amministrativa.

I fatti sono noti: da alcune giorni Lega e Fratelli d’Italia discutono animatamente sulla costituzione di una commissione speciale sulla sicurezza.

Forza Italia ha preso al balzo questa situazione per scrivere al sindaco, denunciare le “troppe ambizioni personali e di potere” e ritirare così la delegazione di giunta, pur garantendo l’appoggio esterno.

E ha imbottito questa lettera con richiami all’idealità, al cattolicesimo liberale (?!) e al desiderio di contrastare il declino del Paese.

Tutto bello, anzi bellissimo. Peccato, però, che si tratti soltanto di parole in libertà. La realtà è tremendamente diversa.

Forza Italia è entrata a piedi uniti nelle vicende del Comune di Como per motivi di bottega, e non certo per “alta politica”. Per i contrasti con le altre forze di maggioranza e per le tensioni che vive al suo interno. Il resto è fumo, che nemmeno a Londra te lo aspetti.

Il partito azzurro, questa è la verità, ha subìto una sconfitta poderosa alle elezioni provinciali e si sente tradita dai suoi stessi alleati, Lega in primis. Inoltre non riesce a uscire dal dualismo che vive dentro il partito, con rese dei conti al calor bianco che ben poco hanno a che fare con gli ideali del vagheggiato cattolicesimo liberale. Quindi ha deciso di vendicarsi schierando i cannoni su Palazzo Cernezzi, sparando a palle incatenate sul Carroccio, su Fratelli d’Italia e su alcuni suoi stessi rappresentanti, ritenuti ormai nemici interni.

Detto questo, per amor di verità ed esigenza di chiarezza a beneficio del lettore, non si può fare a meno di condividere l’analisi almeno su un punto. Cioè la necessità che questa coalizione serri le fila e riprenda un’attività amministrativa lontana dalle beghe di piccolo cabotaggio. Altrimenti la capitolazione è dietro l’angolo.

Il pallino è adesso unicamente nelle mani del sindaco, che ha sempre detto, prima di essere eletto e in seguito, durante la formazione dell’esecutivo, di non voler essere ostaggio dei partiti. In questo momento, però, lo è diventato. In modo evidente. La politica, a Roma, a Milano e in periferia, è mediazione. Ma non può diventare un compromesso il cui fine è unicamente la spartizione delle poltrone.

Il malato è grave, ma soltanto una persona può guarirlo. È Mario Landriscina. Che oggi deve dimostrare di essere non soltanto un bravo medico, ma anche un abile politico.

12 Novembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto