Volata finale per il primato. Como tifa Seregno e Rezzato

Calcio. Como Mantova 1-0 Esultanza azzurri

Il testa a testa prosegue. Sempre con il Mantova che ha il coltello dalla parte del manico. Ma il Como, almeno, dopo il pesante – per morale e classifica – pari interno con il Seregno ha mostrato di non essersi perso d’animo.
L’ultimo turno di campionato era sulla carta favorevole al Mantova, che giocava in trasferta con il Pontisola, mentre i lariani erano impegnati sul terreno della terza in classifica, a Rezzato. Entrambe hanno vinto (3-2 i virgiliani, 1-0 gli azzurri).
La classifica non è cambiata con il Mantova avanti di un punto, ma gli uomini di mister Marco Banchini – che si sono imposti con una rete di Enrico Celeghin a pochi minuti dalla fine – hanno mostrato la giusta determinazione. Il pari con il Seregno, insomma, ha lasciato il segno, ma poi i lariani hanno avuto il merito di saper ripartire, come ha dimostrato il successo sul terreno di una delle formazioni più accreditate del girone B.
Ora agli azzurri non rimane che fare il tifo per il Seregno, che sta mostrando di essere una delle squadre più in forma del campionato. Proprio gli uomini di mister Andrea Ardito domenica prossima saranno infatti ospiti della capoclassifica. La speranza dei tifosi lariani è che l’ex Ardito, oltre a fare un piacere a se stesso nel cammino verso la salvezza, dia una mano anche agli azzurri che, dal canto loro, torneranno allo stadio Sinigaglia per la gara con il Darfo Boario, reduce da due sconfitte consecutive.
Il calendario, come è noto, è stato disegnato per biancorossi e azzurri, con una sorta di cammino parallelo. Di fatto i virgiliani affronteranno nello stesso ordine le avversarie del Como. Quindi, dopo il match con il Seregno, anche per la capoclassifica ci sarà la trasferta di Rezzato.
Pure in questo caso sul Lario la speranza è che il Mantova possa perdere terreno; da qui alla fine, del resto, il Como non è più padrone del suo destino, ma deve comunque vincere sempre e sperare in un exploit di qualche altra squadra.
Molto, poi, dipenderà anche dalle motivazioni degli avversari che di volta in volta saranno affrontati. Il Darfo Boario è in lotta per non rimanere impelagato nella parte bassa della classifica. Il Caravaggio (trasferta degli azzurri il 7 aprile) è tutto sommato tranquillo a metà graduatoria. Poi nuova sfida interna con il Sondrio, che è nella parte medio-alta e per lo stesso motivo potrebbe non avere motivazioni elevatissime. Al terzultimo turno Como ospite del Villafranca (che potrebbe aver bisogno di punti, visto che non è in una buona posizione), mentre alla penultima giornata sul Lario è attesa la Virtus Bergamo, altra compagine che quel giorno potrebbe non avere più nulla da chiedere a questo campionato. La conclusione, domenica 5 maggio, sul terreno della Caronnese, ora quinta.
Un Como che, al di là di tutto, dovrà vincere ogni partita; stessa preoccupazione che ha il Mantova. Comunque vada a finire una volata appassionante fra due squadre di livello: basti pensare che il Como è la migliore seconda della serie D, con i suoi 72 punti. Seguono il Matelica (69, girone F) e, ben più staccato, il Trastevere Calcio (62, gruppo G).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.