Volontari strategici per promuovere la cultura

Lago di Como, presentato il piano integrato per la cultura

Presentati gli animatori del territorio nell’ambito del “piano integrato”

Preservare e sostenere le identità territoriali, creare modelli di sviluppo efficienti e sostenibili e stimolare un processo collaborativo tra partner.
Sono alcuni degli obiettivi del “Piano integrato della cultura” intitolato “Un tesoro di territorio” presentato ieri nella sede comasca della Camera di Commercio di Como Lecco.
Il team, tutto al femminile, è composto da due animatrici e da dieci volontarie del Servizio Civile universale che lavoreranno al progetto.
Per Mauro Guerra, presidente di Anci Lombardia e sindaco di Tremezzina, è un piano strategico fondamentale: «I volontari della cultura sono giovani che lavoreranno con le istituzioni per dare corpo ai progetti e rendere il territorio pronto ad accogliere di nuovo i turisti e per renderlo migliore per chi ci abita tutti i giorni».
Il Pic è formato da una rete di enti e partner della provincia di Como coordinati dalla Camera di Commercio con l’obiettivo di realizzare nell’arco temporale previsto dal progetto un calendario unico di attività culturali, strategico per la promozione.
Secondo Marco Galimberti, presidente della Camera di Commercio Como-Lecco, rilanciare il turismo significa «rilanciare tutto il territorio. Stiamo lavorando in modo deciso in questa direzione». Per Giuseppe Rasella, componente di giunta della Camera di Commercio Como-Lecco, «la cultura è fondamentale, porta un indotto diffuso su tutta la filiera e il genius loci che caratterizza il saper fare proprio del nostro bel territorio comasco».
Il sistema economico della cultura nel 2019 ha generato il 5,3% del valore aggiunto totale della provincia di Como (quasi 850 milioni€) e il 4,6% di quello di Lecco (quasi 450 milioni). Dunque, nell’area lariana l’industria culturale ha generato ben 1,3 miliardi euro.
Va ricordato che il Pic è una rete di oltre 80 organizzazioni pubbliche e private della provincia di Como. Ventisette di queste realizzeranno un articolato programma nel biennio 2021-22 grazie ad un finanziamento complessivo di oltre un milione di euro.
Per l’estate e il periodo invernale sono state programmate già due campagne di posizionamento dell’intero territorio lariano sulle riviste specializzate (oltre 400mila copie), più un ampio ecosistema digitale che raggiungerà oltre 30 milioni di contatti per raccontare sempre meglio e in modo sempre più strategico le eccellenze del territorio lariano come “spettacolo bellissimo”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.