Yacht Club, oggi pomeriggio l’assemblea. Al voto oltre 300 soci

Yacht Club Como

Si apre oggi pomeriggio alle 15 l’assemblea probabilmente più difficile e complicata per lo Yacht Club di Como negli ultimi decenni. Un’assemblea elettorale chiamata a decidere chi guiderà la società di viale Puecher per i prossimi anni. La sfida, com’è noto, è tra il presidente uscente Giancarlo Ge e Silvio Santambrogio, presidente degli Amici di Como.
Le dimissioni di 3 dei 6 consiglieri in carica – Giancarlo Montorfano, Francesco Nessi e lo stesso Santambrogio – avevano provocato lo scioglimento del direttivo eletto soltanto il 5 luglio scorso. Due mesi fa, Ge aveva ottenuto il 60% delle preferenze. Ora ci riprova, appoggiato da una lista formata da Giovanni Pucillo, Nadia Gaffuri, Diego Luisetti, Roberto Ruggeri, Luigi Vicini e Fabio Scudeletti. «Siamo certi che sarà una buona squadra – dice Ge – ovviamente tutto dipenderà dai soci e dalle loro scelte». Il presidente dello Yacht Club ammette che la «campagna elettorale è stata difficile, ma continuiamo a lavorare per avere buone relazioni tra i soci. Ripeto ciò che ho sempre detto: mi interessa portare a termine i lavori che mancano e rendere la nostra storica struttura ancora più bella».
Della lista che sostiene Santambrogio fanno parte invece Francesco Missina, Betty Monici, Francesco Nessi, Giancarlo Montorfano, Francesco Tagliabue e Giò Velardi
«Quello che ci ha spinto a candidarci – dice Tagliabue – è la voglia di rinnovamento e il desiderio di riportare il socio al centro dell’attenzione del club. Vogliamo un direttivo e un presidente al servizio dei soci. Puntiamo inoltre sulla ricostruzione delle attività sportive: vela, motonautica e modellismo, che negli ultimi anni non sono state supportate a dovere. Insomma, maggiore attenzione al Club e mentalità più giovane e brillante».
Durante l’assemblea di oggi, dopo la presentazione dei due candidati, saranno chiamati nominalmente al voto gli oltre 300 aventi diritto. Per statuto, ciascun socio non potrà avere più di due deleghe.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.