“Young”, tre giorni di fiera ma è come andare a scuola

alt

Tutti gli istituti comaschi hanno aderito alla sesta edizione della kermesse erbese

(a.cam.) Obiettivo 15mila visitatori per Young, evento di formazione e orientamento dedicato alle nuove generazioni. I padiglioni di Lariofiere accoglieranno studenti e famiglie e ad attenderli ci saranno oltre 150 realtà formative. Per la prima volta saranno presenti tutte le scuole della provincia di Como. Altra novità assoluta sarà la possibilità, per i ragazzi, di conoscere direttamente le filiere produttive del territorio lariano.
L’edizione numero 6 di Young si terrà dal 28 al 30

novembre. Nelle prime 2 giornate il salone sarà aperto dalle 8.30 alle 13 e l’ingresso sarà riservato alle scuole. Gli istituti già prenotati sono 160. Sabato, apertura dalle 8.30 alle 18.30 per accogliere anche le famiglie. L’ingresso per tutti è gratuito.
«L’elemento distintivo di questa edizione di Young – sottolinea Fulvio Alvisi, vicepresidente della Camera di Commercio di Como – è la proposta di un orientamento per filiere produttive e formative, per rendere più efficiente il raccordo tra i settori produttivi e quindi delle figure professionali più richieste, e l’offerta formativa del territorio, soprattutto dell’istruzione tecnica e della formazione professionale».
Il presidente di Lariofiere, Giovanni Ciceri, e il direttore, Silvio Oldani, hanno messo in evidenza la qualità dell’offerta dell’evento promosso a Erba. «È un investimento sul futuro dei giovani – dice Ciceri – sull’orientamento degli imprenditori di domani attraverso attività di formazione che costituiscono un valido collante tra il mondo della scuola e del lavoro».
All’organizzazione collabora l’Ufficio scolastico provinciale. «Proporre un orientamento per filiere formative e ambiti produttivi significa mettere in evidenza le integrazioni e le correlazioni tra la formazione tecnica, professionale e universitaria, e il sistema produttivo – dice il provveditore Claudio Merletti – rafforzando la qualità della formazione e la capacità di risposta agli effettivi bisogni del tessuto produttivo. Imprenditori e liberi professionisti spiegheranno il proprio ambito di produzione e la propria attività. Ci sarà spazio anche alla presentazione di carriere “atipiche”, dall’ambito artistico a quello militare».
Gli studenti arriveranno da tutta la provincia ma anche da gran parte della Lombardia e dalla Svizzera. «Per la prima volta abbiamo tutte le scuole di Como. È un risultato importante – dice Manuela Longoni, coordinatrice della Rete per l’orientamento – Quella delle filiere formative e produttive è una grossa sfida che vede impegnati attivamente docenti e imprenditori».
Quasi 150 le iniziative in programma nei 3 giorni di apertura del salone. I partecipanti potranno partecipare a laboratori, incontri, dibattiti, proiezioni, convegni e seminari.

Nella foto:
Il tabellone che lo scorso anno accoglieva gli studenti e i visitatori nei padiglioni di Lariofiere, dove viene organizzata “Young”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.