Zimbabwe: decine cercatori ancora dispersi in crollo miniera

Guasto generatore ha impedito drenaggio acqua a 100 m profondità

(ANSA) – ROMA, 28 NOV – Decine di cercatori d’oro – un numero tuttora incerto ma che assomma sicuramente a fra 30 e i 40 – sono ancora dispersi in cunicoli a oltre 100 metri di profondità sotto terra in una miniera d’oro in disuso nello Zimbabwe, a Bindura, una settantina di chilometri dalla capitale Harare, dove giovedì sera c’è stato un crollo causato dall’infiltrazione di acqua. Finora solo sei minatori improvvisati sono stati portati in salvo e ricoverati in ospedale, ieri. Ma i tentativi di soccorso – scrive il sito del Guardian – sono finora falliti a causa di un guasto al generatore che alimenta la pompa, incaricata di drenare l’acqua che invade il vecchio pozzo di accesso e di areazione dell’ex miniera, dove tuttora centinaia di persone tentano il tutto per tutto nella speranza di trovare qualche frammento d’oro in uno dei Paesi più poveri dell’Africa dove gli incidenti minerari di questo tipo sono piuttosto frequenti. "Giovedì sera – ha dichiarato al Guardian Christine Munyoro, del sindacato dei minatori dello Zimbabwe (Zmf) – la squadra di soccorso ha tentato di pompare fuori l’acqua, ma il generatore di corrente si è guastato. Oggi ci stanno riprovando. La cosa che rende tutto più difficile è che il pozzo è profondo 100 metri. Inoltre – ha concluso Munyoro – non sappiamo a quale livello siano (i minatori dispersi). Potrebbero essere intrappolati nel fango". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.