Zingaretti e il dramma di Furtwängler a Chiasso

alt

Stagioni

Gradito ritorno in terra insubrica per l’attore italiano Luca Zingaretti, lunedì 3 e martedì 4 febbraio prossimi alle 20.30 sul palcoscenico del Cinema Teatro di Chiasso in via Dante 3b.
Famoso per avere dato il volto in tv al commissario Salvo Montalbano, porterà in scena nella località di frontiera La torre d’avorio di Ronald Harwood (nella foto a destra, una scena), testo che pone al suo centro il tema della libertà dell’artista. Sul palco al fianco di

Zingaretti, qui nel doppio ruolo di attore e regista, ci saranno Gianluigi Fogacci, Caterina Gramaglia e Paolo Briguglia. Lo spettacolo pone sotto i riflettori uno dei problemi più discussi e irrisolti della storia: l’autonomia dell’arte di fronte alla politica. Siamo a Berlino nel 1946. È il momento di regolare i conti, e la caccia ai sostenitori del regime nazista è in pieno svolgimento. Viene così convocato, nel quadro di una indagine sulla sua presunta collaborazione con la dittatura, il più illustre esponente dell’alta cultura tedesca, il direttore d’orchestra Wilhelm Furtwängler. Furtwängler non era stato nazista, e anzi non aveva nascosto di detestare le politiche del Terzo Reich. Ma nel buio periodo dell’esodo di molti illustri intellettuali che avevano preferito trasferirsi all’estero piuttosto che continuare a lavorare in condizioni opprimenti, lui era rimasto in patria, e aveva svolto la sua attività in condizioni privilegiate. Dai suoi compatrioti, quasi tutti melomani, era sempre stato venerato. Ma ecco ora che i vincitori vogliono far crollare anche questo superstite mito della superiorità germanica e affidano l’indagine a un maggiore dell’esercito immune al fascino dell’artista, un giustiziere indignato dalle atrocità perpetrate in questa corrottissima zona dell’Europa, un americano convinto nell’eguaglianza degli uomini sia nei diritti sia nelle responsabilità. Ingresso 30/26 euro, info allo 004191.695.09.16.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.