Zona a traffico limitato, via gli autobus turistici da Piazza Roma

Piazza Roma a Como

L’allargamento della Ztl a piazza Roma, via Plinio e piazza Grimoldi è stata forse l’azione più incisiva del mandato Lucini-Gerosa. Se per il nuovo collegamento pedonale da piazza Duomo a piazza Cavour e l’eliminazione del capolinea dei bus dai Portici Plinio sono arrivati consensi unanimi, la questione di piazza Roma ha sempre suscitato polemiche.

La cancellazione del parcheggio per degli stalli per residenti e per pullman turistici non ha convinto fin dalla presentazione del progetto nell’estate del 2013. Ora, con un colpo di spugna, partito dalla minoranza civica di centrosinistra, ovvero la stessa che appoggiava Lucini, Palazzo Cernezzi dice stop ai pullman turistici in piazza Roma. Il consiglio comunale, lunedì sera, ha approvato la mozione proposta dal consigliere Vittorio Nessi (Svolta Civica), per fare in modo che l’area non venga più utilizzata come parcheggio di autobus.

Il testo, approvato a larga maggioranza con 21 voti a favore, 3 contrari e 5 astenuti, è il risultato di una decisiva mediazione con il partito di Forza Italia, dopo l’accettazione di un emendamento del consigliere azzurro Luca Biondi. «Fuori i pullman dalla città murata, rendono invivibile piazza Roma che deve essere invece restituita a cittadini e turisti – spiega il consigliere Nessi – I bus ora dovranno fermarsi in piazza Roma il tempo strettamente necessario». Nella prima mozione, quella presentata da Svolta Civica, oltre allo stop ai bus, il testo individuava altre zone per la sosta dei mezzi, come il piazzale antistante la piscina di Muggiò, viale Innocenzo e via Nazario Sauro. Inoltre nella mozione originaria i consiglieri d’opposizione chiedevano la realizzazione di un parco giochi per i bambini. Forza Italia ha mantenuto soltanto l’obiettivo di liberare la piazza dai numerosi pullman.
A tessere la tela tra gli azzurri, che dall’uscita della giunta decidono di volta in volta se appoggiare o meno le decisioni della maggioranza, c’è sempre il capogruppo Enrico Cenetiempo.

«Gli autobus non sarebbero mai dovuti andare lì – dice Cenetiempo – Per fortuna abbiamo messo una pezza a quell’errore. E siamo solo all’inizio». Secondo l’ex assessore la questione dei posti per i residenti a rotazione potrebbe essere oggetto di un prossimo intervento. «Come si fa a dire a un residente che quest’anno ha il posto auto e l’anno prossimo forse no? È una cosa oscena. Si deve rivedere il regolamento». Riguardo il voto trasversale, per Cenetiempo si tratta del «trionfo della democrazia», conclude.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.