Cronaca

Ztl al via, ieri l’ok della giunta. Doppia delibera, si parte da Est Tensione Magatti-Lucini-Introzzi

alt

La città che cambia
L’esecutivo approva all’unanimità ma dopo accesa discussione

Clima teso, ma voto all’unanimità. Si è svolta su un doppio binario la riunione decisiva della giunta di Palazzo Cernezzi per dare il definitivo via libera alla nuova maxi Ztl.
Peraltro, come consuetudine di questo esecutivo, nonostante l’importanza di un tema peraltro abbondantemente sviscerato nelle settimane scorse, nessuno tra sindaco e assessori ha informato circa esito e andamento della seduta. Oggi sarà la volta della verità ufficiale, con la conferenza stampa che svelerà finalmente

tempi esatti e particolari assortiti. Ma, comunque, qualche sommaria descrizione della riunione di ieri a Palazzo è filtrata. E da quel che se ne deduce, al di là del fatto che – nell’insieme – il progetto è condiviso, non sono mancati momenti di “animata” discussione, se non di vera e propria tensione.
In particolare, sarebbe stato l’assessore all’Ambiente, Bruno Magatti, a esprimere qualche perplessità sulle modalità di gestione dell’intera vicenda e qualche dubbio sulla complessiva tenuta del provvedimento. Tra i rilievi sollevati dall’esponente di Paco-Sel rientrerebbero le possibili criticità legate alla distanza di molti nuovi posti blu dal centro (in particolare quelli della zona Est della città), la penalizzazione economica per i pendolari che lavorano nel capoluogo e l’inevitabile “favore” che l’espulsione delle auto dalle zone centrali creerà a due autosili privati (viale Lecco ed ex Zoo).
Proprio in risposta alle osservazioni di Magatti, però, sarebbero arrivate prese di posizione molto dure sia da parte del sindaco, Mario Lucini, schierato a totale difesa della nuova Ztl, sia – con toni ancora più intransigenti – da parte dell’assessore al Commercio, Gisella Introzzi. Non sarebbe quindi mancato qualche acceso scambio verbale tra i protagonisti, comunque – come anticipato – risolto in una condivisione finale del progetto nel suo complesso.
Per quanto riguarda le delibere relative alla “rivoluzione”, ne sono state approvate due distinte, chiamate “Fase 1” e “Fase 2”. Da quanto si è potuto apprendere, la prima zona di Como su cui verrà testato l’ampliamento dei posti blu sarà quella Est (vie Ferrari, Zezio, Brambilla eccetera). Poi sarà la volta degli stalli più a ridosso della città murata, in particolare quelli bianchi di viale Varese e una serie di aree minori disseminate in più punti.
Per quanto riguarda il cuore del centro città, dovrebbe essere modificato nell’ultima fase (piazza Roma e piazza Volta destinate ai residenti).
Sul fronte della tempistica, il mese di agosto dovrebbe essere il limite massimo per l’attuazione completa dei nuovi provvedimenti. Poi, di fatto, la nuova maxi Ztl sarà realtà e comincerà il test vero e proprio. Come a dire che il provvedimento, e con esso l’assessore alla Viabilità, Daniela Gerosa, andranno incontro quasi certamente a un autunno caldo.

E.C.

Nella foto:
In alto, piazza Roma, destinata in futuro ai residenti. A destra, via Ferrari. I posti diventeranno a pagamento
27 Giu 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto