A processo per un parcheggio sbagliato

Moxxate
Una storia nata nel settembre 2010 si è conclusa ieri mattina in tribunale a Como. Il tutto per un parcheggio sbagliato, che ostruiva l’uscita dal garage di una vicina. Arrivarono i vigili, poi fu recapitata anche una lettera dell’avvocato della famiglia “vittima” del parcheggio. L’accusa formulata: violenza privata, e il fascicolo è proseguito nonostante il ritiro della querela da parte dei vicini. Alla fine il 39enne di Mozzate, che quel giorno era rientrato dalle ferie in piena notte (e per questo aveva parcheggiato l’auto in qualche modo), è comparso in aula.

L’imputazione è però stata derubricata in esercizio arbitrario delle proprie ragioni e l’assenza di querela è diventata fondamentale per il successivo «non doversi procedere».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.