Abusi in una casa sul lago. La vittima affetta da ritardo

Como, Tribunale Palazzo di Giustizia

Avrebbero abusato di una ragazza che all’epoca dei fatti aveva 16 anni, giovane affetta da un ritardo mentale diagnosticato prima lieve, poi medio. Condizioni di difficoltà, anche psichiche che, secondo il pm che ha indagato sulla vicenda (il sostituto procuratore Massimo Astori), sarebbero state «palesi e riconoscibili». Due uomini di Desio (34 anni) e Monza (26 anni) sono stati rinviati a giudizio dal giudice delle indagini preliminari di Como. Sono accusati degli abusi ai danni di una giovane che conoscevano e di cui avrebbero approfittato in una casa in un comune montano del Centrolago.

Violenze che sarebbero avvenute tra il mese di marzo del 2014 e il mese di maggio del 2015. Un terzo ragazzo, non ancora 18enne, è stato indagato per gli stessi fatti dal tribunale dei Minori di Milano. I due rinviati a giudizio di troveranno di fronte al Collegio di Como in giugno. L’accusa parla di violenza sessuale di gruppo. La vittima sarebbe stata anche picchiata e minacciata per «indurla» e «costringerla» a soddisfare i propri aguzzini.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.