Acquisti di tv online, il “pacco” è servito

Truffe, due casi analoghi in provincia di Como
Denunciati una donna di Napoli e un 24enne del Mantovano

(a.cam.) L’acquisto online di un televisore si è rivelato una truffa per due cittadini comaschi, una donna di Ronago e un uomo di Erba. Entrambi sono stati ingannati da due distinti “venditori” che, incassati i soldi, non hanno mai consegnato la merce pagata. Individuati in un caso dalla polizia di frontiera e nell’altro dai carabinieri di Erba, i truffatori sono stati denunciati.
La prima vittima è una donna di Ronago che, nel maggio scorso, ha denunciato alla polizia di frontiera la

mancata consegna di un televisore acquistato su un sito di vendite online e pagato 1.350 euro. La somma era stata versata sul conto corrente indicato dal venditore, ma l’apparecchio non era mai stato recapitato alla signora.
Gli agenti della polizia hanno avviato le indagini, concentrandosi sul sito nonché sul conto corrente sul quale la donna aveva versato il denaro. Gli accertamenti hanno portato all’identificazione di una 34enne di Napoli, nota come truffatrice abituale e indagata per episodi analoghi da diversi uffici di polizia di tutta Italia. Sul conto corrente della falsa venditrice è stato effettivamente riscontrato anche il versamento fatto dalla donna di Ronago. Inevitabile la denuncia per truffa della 34enne.
Episodio analogo quello che ha avuto come protagonista un uomo di Erba che, nel marzo scorso, su un sito di vendite online aveva acquistato un televisore Samsung 3D, pagando 300 euro.
Versata la somma con una ricarica sulla PostPay del venditore, il cittadino lariano non ha mai ricevuto la merce.
L’uomo si è rivolto ai carabinieri della caserma di Erba che hanno avviato le indagini e sono riusciti a rintracciare il truffatore, un 24enne residente a Ostiglia (Mantova). Il giovane, che non ha un impiego ma sembra non abbia precedenti analoghi, è stato denunciato per truffa. Le forze dell’ordine ribadiscono l’invito a prestare la massima attenzione agli acquisti online per evitare spiacevoli sorprese.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.