Addio albergo, nuovo progetto per il piroscafo Patria

Battello Patria Piroscafo

Addio albergo galleggiante, ci vuole un nuovo progetto per il piroscafo Patria, ancorato di fronte a Villa Olmo. Per vederlo tornare a navigare sulle acque del Lario per crociere turistiche dovremo aspettare probabilmente, burocrazia e restauri permettendo, il prossimo anno. Intanto il natante si ammalora, perde il legname del bordo con gli urti contro il pilone metallico cui è fissato. I motori tacciono da anni. Il permesso di navigare è scaduto. E il rivestimento di legno (600 euro al metro quadro) è da rifare.
Il piroscafo Patria è proprietà della Provincia: l’ente fa sapere che non è abbandonato, che viene costantemente monitorato e presidiato dal personale che lo visita periodicamente e ne constata le condizioni sia da terra che salendo a bordo.
L’ente pochi giorni fa ha tenuto un sopralluogo a bordo con la Soprintendenza e la società che si è assicurata il bando provinciale per la gestione, la Lake Como Steamship Company. Entro il mese l’amministrazione provinciale dovrà recapitare alla Soprintendenza un nuovo progetto da valutare e approvare al fine di trasformare senza tradirlo il natante per crociere non più come albergo di lusso come preventivato dal gestore. Effetto della pandemia che ha scompaginato i piani del turismo: senza danarosi stranieri, americani, russi, australiani o cinesi che siano, da trasportare in crociere di due o più giorni, meglio puntare su crociere diurne per il turismo di prossimità.
Con l’onere di un nuovo progetto da approntare che però costerà qualcosa meno dell’ambiziosa trasformazione in resort galleggiante di lusso originariamente preventivata.
Ma tutto dovrà passare dall’ok della Soprintendenza e quindi del ministero. Intanto si vigila per preservarlo da erbacce e vandali che purtroppo in città pullulano. Rimane da vedere come si comporterà in navigazione il vecchio Paria.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.