Affiorano ossa dalla terra del cimitero. La colpa è di un cantiere

Erba – Il fatto approda in consiglio comunale
Una macabra visione ha fatto scattare l’allarme nel cimitero maggiore di Erba. Omeri, mandibole e altre ossa umane sono affiorate da alcuni cumuli di terra smossa, all’interno del camposanto di via Alserio.
La scoperta scioccante è stata fatta, alcuni giorni fa, da alcuni cittadini che si erano recati in visita ai loro defunti. A quel punto, le segnalazioni, sempre indirizzate al Comune di Erba, si sono rapidamente moltiplicate.
Da una prima ricostruzione, sembra che il raccapricciante

ritrovamento sia da imputare, come detto dall’assessore ai Lavori pubblici, Paolo Farano, ad alcuni interventi di esumazione non correttamente eseguiti. Spiegazioni che però hanno placato solo in parte l’ira e lo sconcerto dei cittadini.
Una simile profanazione, anche se probabilmente del tutto involontaria, ha profondamente turbato tutti i cittadini erbesi. E proprio per questo motivo, nel consiglio comunale in programma per il 14 novembre, si tornerà a parlare di questo increscioso episodio.
Il consigliere della Lega Nord, Eugenio Zoffili, ha infatti depositato un’interrogazione proprio per chiedere spiegazioni sull’accaduto al sindaco Marcella Tili. «Si è trattato di un episodio decisamente sgradevole. Sono passati alcuni giorni dal ritrovamento delle ossa e sono anche arrivate le prime spiegazioni da parte dell’assessore competente – spiega Eugenio Zoffili – Mi sembrava comunque giusto e doveroso che il primo cittadino spiegasse al consiglio e ai cittadini come è potuto succedere un fatto del genere».
Nessuno strano rituale, dunque, nel cimitero di Erba. Ma lavori non eseguiti a dovere. Va ricordato come la manutenzione sia affidata al custode e alla Asme (Azienda servizi municipali Erba). «Non è possibile che le spoglie dei nostri defunti vengano abbandonate – conclude il consigliere del Carroccio, Eugenio Zoffili – o, peggio, siano visibili da tutti».
Purtroppo il camposanto di Erba sembra essere particolarmente sfortunato. «Ho anche saputo che di recente sono state rubate anche alcune grondaie in rame», conclude sempre Eugenio Zoffili.

Fabrizio Barabesi

Nella foto:
È stato escluso che all’origine del ritrovamento delle ossa vi siano rituali satanici (Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.