Agenti immobiliari ottimisti sul mattone Compravendite in crescita ma prezzi in calo

La denuncia: «Attenzione agli intermediari abusivi, segnalateli ai nostri sportelli»
Agenti immobiliari più ottimisti sull’andamento del mercato. Se ancora non si può parlare di fine della crisi, i professionisti che segnalano un calo delle vendite sono passati dal 50% del 2013 al 39% dello stesso periodo dell’anno in corso.

«Resta un clima di incertezza generale, rispecchiata anche dal mercato, ma la situazione non è negativa e ci sono spazi per lavorare», dice Claudio Zanetti, presidente Fimaa Como, l’organismo associato a Confcommercio che rappresenta i professionisti del settore.
Il dato è stato reso noto ieri ed è stato raccolto nell’ambito di un sondaggio sullo scenario immobiliare condotto proprio intervistando i professionisti comaschi. «Nel primo trimestre dell’anno, in particolare, ci sono stati segnali positivi – sottolinea Zanetti – grazie alla diminuzione delle imposte sulle compravendite». In riduzione, come detto, gli intermediari immobiliari che segnalano un ulteriore calo delle operazioni, la percentuale degli agenti che registra vendite in aumento è cresciuta dal 16 al 30%. Negative, invece, le impressioni sul fronte dei prezzi degli immobili: quasi il 75% degli intervistati indica valori al ribasso.
Le maggiori difficoltà vengono riscontrate dal ceto medio che vuole comprare una casa più grande di quella che ha, perché quest’ultimo immobile spesso è difficile da rivendere. Migliora, invece, la capacità di erogazione di mutui delle banche, con conseguenze positive sulle case di fascia bassa.
Un freno è dato dall’imposizione fiscale. «Il problema non sono solamente le tasse sugli immobili – spiega Graziano Monetti, direttore di Confcommercio Como – A creare difficoltà in molti casi è la confusione, legata anche alla discrezionalità lasciata ai Comuni nel campo delle tasse sulla casa».
Fimaa e Confcommercio hanno poi lanciato una battaglia contro gli agenti immobiliari abusivi. L’associazione raccoglierà le segnalazioni di presunte irregolarità con un apposito sportello attivo non più solo a Como ma anche nelle sedi di Cantù, Erba, Mariano Comense e Menaggio. «Ai nostri sportelli possono accedere sia i privati che vogliono avere informazioni o chiarimenti – spiega Mirko Bargolini, vicepresidente Fimaa – sia i professionisti associati che hanno bisogno di notizie sulle normative o vogliono segnalare problemi legati a sospetti casi di abusivismo, una piaga che dobbiamo combattere perché danneggia tutti».
È stato infine rinnovato il sito Internet dell’associazione, con la pubblicazione online del Borsino Immobiliare 2014.

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.