Aggressione al Bassone, il Sappe: “Introduciamo taser e spray al peperoncino”

carcere Bassone

Aggressione nel carcere Bassone di Como: l’episodio, che risale a ieri, è stato denunciato dal sindacato autonomo di polizia penitenziaria Sappe.
In base a quanto riferito, un detenuto di origini africane di 35 anni, in carcere per droga e resistenza a pubblico ufficiale, mentre veniva accompagnato in infermeria si è scagliato improvvisamente contro un assistente capo di polizia penitenziaria. Il detenuto ha assestato al poliziotto un forte morso, procurandogli ferite profonde sulle dita della mano sinistra, giudicate guaribili in dieci giorni dai medici del pronto soccorso. “Quel che è accaduto, di una violenza inaccettabile, ci ricorda quanto sia pericoloso lavorare in un penitenziario – commenta Donato Capece, segretario generale del Sappe – Ogni giorno giungono notizie di aggressioni a donne e uomini in servizio negli istituti penitenziari del paese. È mai possibile che nessuno al Ministero della Giustizia e al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, abbia pensato di introdurre anche per la Polizia Penitenziaria strumenti come quelli in uso a Polizia di Stato e Carabinieri, ossia pistola “taser” e spray al peperoncino?”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.