Al Supersalone del Mobile sono 36 le aziende lariane

Supersalone

Il distretto del legno arredo lariano è schierato con 36 aziende al Salone del Mobile di Milano. Un evento strategico che porta con sé un messaggio decisivo di rilancio dell’economia e di un ritorno sempre più totale alla normalità. E così fino al prossimo 10 settembre pubblico e operatori potranno osservare tutte le novità del settore negli spazi di Fiera Milano Rho. I prodotti esposti potranno essere visionati, prenotati e poi acquistati anche dal pubblico. All’inaugurazione di quello che è stato ribattezzato Supersalone anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. «Dopo due anni e mezzo il design italiano ritrova il suo appuntamento più importante, motore irrinunciabile di un settore che, nonostante le difficoltà della pandemia, nell’ultimo anno è riuscito ad agganciare la ripresa. La produzione complessiva della filiera legno arredo è di 39 miliardi di euro, il macrosistema arredamento vale 21 miliardi di euro di cui 11 miliardi destinati all’export, e nel primo semestre è cresciuto del 14,3% sul 2019, con un recupero in particolare sul mercato italiano», ha commentato il presidente di Federlegno Arredo, Claudio Feltrin. Dunque il “Supersalone” rappresenta un segnale forte di ripartenza, che in attesa del Salone del Mobile 2022, darà «sostegno ai processi di internazionalizzazione e riconoscibilità al made in Italy nei mercati globali», ha aggiunto il presidente. Il Salone del Mobile nasce nel 1961 con la direzione del Comitato organizzatore del Salone del Mobile e allora parteciparono 328 aziende. In media ogni anno l’evento milanese viene visitato da 370mila persone provenienti da ben 188 paesi. Quello in corso a Milano è il primo evento internazionale in presenza in Italia.

@foto ufficio stampa Salone Mobile-Diego Ravier

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.