Alcuni passi da fare contro le aggressioni

opinioni e commenti di marco guggiari

di Marco Guggiari

Il recente caso di aggressione, subita da due operatori della sicurezza al Pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia, rilancia il problema che in un passato recente ha avuto picchi di vera emergenza.

L’episodio in questione ha visto protagonisti tre senzatetto in orario notturno e vittime i vigilanti in servizio, allertati dal personale medico. Ci sono già qui diversi elementi su cui riflettere: la difficile gestione degli “ostelli di disperati” in cui si trasformano spesso le sale d’attesa dei presidi sanitari d’emergenza; la notte, che con l’approssimarsi della stagione fredda richiamerà sempre più persone, di frequente ubriache e prive di riparo, in un luogo “pubblico” dove possano scaldarsi; la fatica di camici bianchi e infermieri a gestire un servizio già complesso e che scivola spesso nel superlavoro; l’impossibilità per le guardie private di far fronte a tutte le situazioni.

Aggiungiamo i pazienti in attesa e i loro parenti, già provati dal contesto in cui si trovano e che non devono certo essere costretti a un di più di preoccupazione, tensione e disagio.

È stato sottolineato che il fatto accaduto questa settimana segue un periodo di relativa tranquillità. Bene. Questa informazione non può tuttavia essere il dato di totale tranquillità a cui appellarsi.

Nel 2018, non molto tempo fa, in sei mesi le aggressioni nei presidi dell’Asst Lariana sono state 165. Di queste, 87 al Pronto soccorso.

Che cosa si può fare per prevenire e impedire eventi simili in futuro? L’ospedale ha fatto bene a chiudere, dallo scorso mese, la sua porta d’ingresso dalle 21.30 alle 5.30. Nelle scorse settimane si è tenuto un corso dell’Asst Lariana per medici e infermieri di Psichiatria e Pronto soccorso, le aree in cui, per motivi diversi, sono più frequenti le aggressioni. Tutto questo però non basta.

Il Comune di Como e i partner disponibili devono accelerare i tempi per l’apertura di un dormitorio, per ragioni umanitarie, di sicurezza e di decoro. Di certo, non spetta alla sanità la tutela dell’ordine pubblico. Da questo punto di vista, una seria riflessione sulla possibilità di ripristinare posti di polizia, o almeno presidi fissi almeno in alcuni pochi posti di cosiddetto triage, vale a dire di smistamento di chi è in attesa di cure nei Pronto soccorso, andrebbe fatta.

Sono alcuni passi importanti da muovere in attesa di una più generale riorganizzazione della sanità a livello nazionale e al netto delle aggressioni perpetrate da malati e familiari, che in quest’epoca di decadimento addebitano a soccorritori e curanti le storture di tempi d’attesa troppo lunghi e la possibilità che le terapie non soddisfino subito o non vadano a buon fine.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.