Alida Valli, appello al Comune per celebrare la diva

Alida Valli

Appello alla città per celebrare Alida Valli nell’anno del centenario della nascita. Lo ha lanciato stasera in consiglio comunale dai banchi della maggioranza il consigliere di Fratelli d’Italia Sergio De Santis, vicepresidente della Commissione Sicurezza di Palazzo Cernezzi.

In occasione del centenario della nascita della grande attrice Alida Valli, (Pola, 31 maggio 1921 – Roma, 22 aprile 2006), comasca di adozione, ieri sera ha chiesto «se ci sia la previsione, o comunque la disponibilità, dell’assessore alla Cultura, a ricordare in qualche misura la nascita di quella che grandi registi hanno definito “la madre di tutte le attrici” e che, nei giorni drammatici dell’inizio del secondo conflitto mondiale, era chiamata, per la sua bellezza e per la sua bravura, “la fidanzata d’Italia”». «Una donna straordinaria, Alida Valli, legata a triplo filo alla città di Como – ha detto De Santis – dove abitò e studiò durante gli anni dell’adolescenza; dove visse il suo grande, sfortunato amore, con un aviatore comasco, il Tenente Pilota della Regia Aeronautica Carlo Cugnasca, Medaglia d’Oro al Valor Militare, morto in combattimento nei cieli della Libia nel 1941; e dove tornò tante altre volte, anche per interpretare film con grandissimi registi, girati sul Lago di Como, e sulla sponda comasca del Ceresio. Spero che l’Amministrazione voglia dedicare una mostra, un percorso, magari prendendo spunto dal bellissimo film-documentario del regista Mimmo Verdesca “Alida”, presentato già in diversi festival internazionali, per ricordare questa donna straordinaria. Presenterò una mozione per dedicare un angolo turistico della città, a questa diva del cinema, che amava la nostra città. conosciuta dai turisti di tutto il mondo».

L’assessore alla Cultura Livia Cioffi si è detta favorevole alla proposta e si impegnerà per commemorare la figura di Alida Valli a Como nell’anno del centenario.

QUI LA STORIA DI ALIDA VALLI, UN RICORDO DI MARCO GUGGIARI DAL LIBRO “COMASCHI”

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.