Alle vittime 200mila euro di risarcimento

I NUMERI DELL’ARMERIA
Il totale del fallimento Arrighi è di oltre un milione e mezzo

Un fallimento da un milione e 600mila euro. Comprensivo del risarcimento ai familiari di Giacomo Brambilla (moglie, figlio, madre e fratello) che si aggirerà, una volta saldato, intorno ai 200mila euro, dopo che in un primo momento la richiesta delle vittime di Alberto Arrighi di insinuarsi nel fallimento dell’armeria era addirittura stata respinta perché il credito non era stato ritenuto certo essendo la sentenza di condanna ancora non definitiva. Una beffa per i parenti della vittima, che sono
stati ammessi allo stato passivo solo lo scorso luglio 2012 come creditori chirografari. In pratica, non verrà loro risarcito il totale di quanto dovuto, ma solo una percentuale parziale nella misura del 35-38%. Alla moglie di Brambilla, al figlio e ai parenti più stretti, il Tribunale di Como aveva stabilito una provvisionale da 560.785 euro, base di partenza per un futuro e più ampio risarcimento. Alla fine però, come si è visto, la famiglia dovrà accontentarsi di molto meno: nel caso migliore di 213.098 euro e nel peggiore di 196.274 euro.
Sono 32 i creditori del fallimento Arrighi ammessi allo stato passivo, per un totale di 1.612.929,73 euro.

Mauro Peverelli

Nella foto:
Una delle pistole in vendita nell’armeria Arrighi prima del fallimento

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.